Dati strutturati: spiegazione facile per ranking migliori

I dati strutturati aiutano i motori di ricerca a comprendere meglio i contenuti, creano condizioni ottimali per rich snippet e garantiscono percentuali di clic più elevate. In questo articolo esaminiamo cosa sono i dati strutturati e come crearli per Google.

I dati strutturati (noti anche come Markup Schema) sono un formato standardizzato utilizzato per fornire ai motori di ricerca informazioni aggiuntive.

Ad esempio, Google può utilizzare i dati strutturati per classificare meglio i contenuti del tuo sito web. I dati strutturati influiscono anche sull’aspetto degli snippet.

Per cosa possono essere utilizzati i dati strutturati?

Tramite i dati strutturati puoi trasportare molte informazioni. Tra queste:

  • Prezzi
  • Valutazioni e testimonianze
  • Informazioni di contatto
  • Ricette e tempi di preparazione
  • Proprietà dei video come per esempio la lunghezza
  • Date degli eventi
  • Recensioni sui datori di lavoro

Ad esempio, i dati strutturati possono dire rapidamente a Google quanto è lungo un video, che determinati numeri sulla tua home page sono un numero di telefono o che un pezzo di testo è una ricetta.

Inoltre hai anche la possibilità di trasferire a Google informazioni in modo strutturato sui prodotti, come prezzi o produttori. Questo non semplifica solamente il lavoro del motore di ricerca: anche tu hai dei vantaggi. Una classica situazione win-win.

Quali vantaggi hai con i dati strutturati?

I dati strutturati non sono un fattore di ranking diretto del tipo: usali e il tuo sito si classificherà meglio. Tuttavia il corretto utilizzo dei dati strutturati viene premiato da Google e dagli utenti su più livelli:

  • Google arricchisce i risultati di ricerca con informazioni aggiuntive (rich snippet), ad esempio stelle di valutazione, orari di apertura o tempo di preparazione delle ricette. Tutto ciò genera più interesse.
  • I dati strutturati aiutano anche i tuoi video a essere visualizzati nelle ricerche di video insieme a informazioni utili correlate e che le tue informazioni vengano visualizzate nei Knowledge Graph. Sui dispositivi mobili i risultati di ricerca avanzati vengono spesso visualizzati in una forma simile a un elenco, il cosiddetto carosello.
  • Questa visualizzazione accattivante e le informazioni aggiuntive portano spesso a percentuali di clic più elevate e più visitatori.
  • Inoltre, grazie ai rich snippet, gli utenti che stanno cercando un prodotto sapranno immediatamente il suo prezzo e la sua disponibilità. Le valutazioni positive ispirano fiducia a prima vista.

Puoi quindi notare: i dati strutturati sono uno strumento importante nell’ottimizzazione dei motori di ricerca.

Importante: Non c’è nessuna garanzia che Google visualizzi le informazioni che hai taggato per ogni query di ricerca. Per questo motivo anche l’intento di ricerca gioca un ruolo fondamentale.

Panoramica delle tipologie di dati strutturati

L’iniziativa Schema.org sta sviluppando il “linguaggio” per i dati strutturati. Questo è stato creato originariamente da Google, Bing e Yahoo ed è stato pubblicato per la prima volta nel 2011. Qui trovi schemi standardizzati con (“types” o tipi) che possono essere forniti con determinate proprietà (“properties”). Su questa pagina panoramica di Schema.org puoi trovare la gerarchia completa dei tipi.

Google supporta attualmente i seguenti tipi di dati strutturati:

  • Articoli
  • Libri
  • Percorsi di navigazione
  • Caroselli
  • Corsi
  • Comunicazioni sul COVID-19
  • Recensioni critiche
  • Serie di dati
  • Valutazioni complessive dei datori di lavoro
  • Stipendi stimati
  • Eventi
  • Verifiche dei fatti
  • FAQ
  • Attività da fare a casa
  • Istruzioni
  • Licenze di immagini
  • Annunci di lavoro
  • Formazione professionale
  • Imprese locali
  • Loghi
  • Film
  • Prodotti
  • Domande e risposte
  • Ricette
  • Snippet con recensioni
  • Caselle di ricerca dei sitelink
  • Applicazioni software
  • Adatti per le uscite vocali
  • Abbonamenti e contenuti Paywall
  • Video

Da questa lista sorge una vasta gamma di opportunità. Ad esempio, se hai un’attività e desideri visualizzare un logo nei risultati di ricerca e nel Knowledge Graph.

Knowledge Panel esempio Levis

Anche gli organizzatori di concerti, i venditori di biglietti e i portali di eventi hanno la possibilità di trasportare informazioni importanti utilizzando dati strutturati e rich snippet.

Esempio di risultato evento nelle SERP

Molto interessante, soprattutto per gli shops online, è la possibilità di evidenziare la navigazione breadcrumb con dati strutturati in snippet. I sitelink consentono agli utenti di “saltare di un livello” immediatamente.

Esempio di snippet con mini-sitelink

Inoltre, c’è il già menzionato vantaggio di poter trasportare informazioni come prezzi, disponibilità, tempi di preparazione o valutazioni.

Importante: Utilizza i dati strutturati solo se sono adatti ai tuoi contenuti. La pertinenza è importante per Google.

Dati strutturati: come inserirli

Veniamo ora alla parte pratica e a come aggiungere correttamente i dati strutturati al tuo sito.

Ci sono tre modi per farlo:

  1. JSON-LD: Google preferisce questa variante dove memorizzi il vocabolario corretto in un punto a tua scelta nel codice della pagina, nel corpo o nella testa. È meglio riassumere diversi premi in un unico copione.
  2. Microdati: Questo tipo di dati strutturati è il più vecchio. Può comunque essere utilizzato senza problemi, ma a differenza degli altri due metodi impiega uno sforzo maggiore.
  3. RDFa(HTML5): Puoi anche usare questo metodo per marcare file SGV e XML. Inoltre, è possibile combinare vocaboli di diversi tipi.

Google stesso consiglia JSON-LD. Ecco perché di solito è meglio utilizzare quest’ultimo.

Ad esempio, il risultato è simile al seguente (questo è uno snippet per più breadcrumb):

<html>
  <head>
    <title>Award Winners</title>
    <script type="application/ld+json">
    [{
      "@context": "https://schema.org",
      "@type": "BreadcrumbList",
      "itemListElement": [{
        "@type": "ListItem",
        "position": 1,
        "name": "Books",
        "item": "https://example.com/books"
      },{
        "@type": "ListItem",
        "position": 2,
        "name": "Science Fiction",
        "item": "https://example.com/books/sciencefiction"
      },{
        "@type": "ListItem",
        "position": 3,
        "name": "Award Winners"
      }]
    },
    {
      "@context": "https://schema.org",
      "@type": "BreadcrumbList",
      "itemListElement": [{
        "@type": "ListItem",
        "position": 1,
        "name": "Literature",
        "item": "https://example.com/literature"
      },{
        "@type": "ListItem",
        "position": 2,
        "name": "Award Winners"
      }]
    }]
    </script>
  </head>
  <body>
  </body>
</html>

Non è necessario essere un programmatore per creare e aggiungere il relativo codice di dati strutturati. Dovresti però occuparti del vocabolario pertinente per questo.

Anche l’aiuto per il markup di Google e l’evidenziatore di dati di Google sono di grande aiuto. In entrambi i casi, il motore di ricerca consente di creare markup per scrivere il proprio codice senza sforzi ulteriori, ad esempio contrassegnando e taggando sezioni di una pagina. Esistono anche generatori di dati strutturati. Tuttavia, queste opzioni sono limitate.

Esistono plugin per WordPress che consentono di creare dati strutturati e aggiungerli alla pagina in questione. Ciò include il noto plugin Yoast SEO.

Metti alla prova i dati strutturati

Hai creato il tuo codice? Ti consigliamo quindi di testarne il risultato. Google ha anche uno strumento di test apposito per risultati multimediali. In questo modo puoi scoprire se hai commesso degli errori e correggerli. Questo è importante affinché i dati strutturati abbiano un senso. Dopo aver incollato le informazioni, utilizza i rapporti sullo stato dei risultati multimediali per vedere se Google può leggerle.

Conclusione

I dati strutturati non sono un fenomeno nuovo. Ciononostante non sono ancora utilizzati da molti proprietari di siti web. Rappresentano un modo semplice per spingere le tue pagine nei risultati di ricerca, aumentare il numero di clic e nel caso ideale migliorarne il posizionamento. Con un po’ di pratica e gli strumenti giusti imparerai rapidamente.

Tuttavia, i dati strutturati servono al loro scopo solo se si adattano al contenuto. Quindi non ha senso creare dati strutturati “per forza”.

24.05.2022