Vuoi ricevere tutte le novità SEO direttamente via mail?

Cosa viene considerato da Google come contenuto di alta qualità?

L’algoritmo di Google Panda passa in rassegna l‘Indice di Google alla ricerca di contenuti qualitativamente bassi, penalizzando i siti che li contengono. Per identificarli, il filtro Panda considera numerosi segnali specifici. Questo controllo-qualità viene effettuato nella fase d’indicizzazione dei nuovi contenuti, siccome il filtro Panda è stato integrato nell’Everflux.

Quali segnali usa Google per identificare i contenuti di alta qualità?

Google consiglia a tutti i webmaster di creare i loro contenuti tenendo sempre in mente la User Experience, e non i segnali di Ranking o gli algoritmi.

Il nostro consiglio per gli editori è sempre lo stesso: offrire all’utente la migliore esperienza possibile sul proprio sito e non focalizzarsi troppo su quali potrebbero essere i segnali di Ranking o gli algoritmi di Google attuali.

– Amit Singhal, Google Fellow, Software Engineer

Interpretando queste parole, si può dire che i contenuti devono essere creati per gli utenti e non per migliorare i propri posizionamenti. Per valutare la qualità del tuo contenuto dovresti quindi sempre chiederti:

  • Si tratta di qualcosa di utile per l’utente/ il lettore e offre le migliori informazioni possibili sull’argomento?

Quali contenuti sono considerabili di alta qualità e come si creano?

Non è difficile creare dei contenuti di alta qualità. Ti consigliamo le linee guida seguenti per valutare la qualità dei tuoi contenuti ed eventualmente migliorarli:

  • Ti fideresti delle informazioni di questo articolo?
  • L’articolo è stato scritto da un esperto o da un appassionato ben qualificato sull’argomento, oppure risulta generico e poco dettagliato?
  • Il sito prende d’esempio altri articoli, ridondanti o simili, riguardo lo stesso argomento, variando semplicemente di poco le keyword?
  • Affideresti a questo sito i dati della tua carta di credito?
  • L’articolo presenta errori grammaticali, stilistici o fattuali?
  • Gli argomenti e gli articoli sono stati creati per l’interesse dei lettori del sito, o per posizionarsi meglio nelle pagine dei risultati di Google?
  • L’articolo contiene del contenuto originale e creato dall’autore? La presentazione dei fatti è stata effettuata personalmente e deriva dalle proprie ricerche o valutazioni?
  • L’articolo rappresenta un valore aggiunto per i lettori, paragonato alle informazioni sull’argomento nella prima pagina dei risultati di ricerca?
  • Quanto è approfondito il controllo-qualità dell’articolo o del sito?
  • L’argomento dell’articolo esprime più punti di vista?
  • Il sito è considerato autorevole per quanto riguarda l’argomento o l’area tematica?
  • Il contenuto del sito dà l’impressione di essere un prodotto di massa o di outsourcing (cioè proveniente da più autori differenti)? È stato pubblicato tramite una vasta rete di siti o un sito di terzi? Hai l’impressione che l’articolo non abbia ottenuto la giusta attenzione o cura da parte del suo autore?
  • L’articolo sembra scritto con cura o distrattamente e in modo frettoloso?
  • Se l’articolo riguardasse un argomento relativo alla tua salute, ti fideresti delle informazioni riportate?
  • Valuteresti il sito una fonte autorevole d’informazioni se lo sentissi semplicemente nominare?
  • L’articolo contiene una descrizione completa ed esaustiva dell’argomento?
  • L’articolo contiene un’analisi illuminante o delle informazioni interessanti, che vanno oltre quelle che troveresti normalmente riguardo l’argomento?
  • Vale la pena ricordare, condividere o consigliare ad amici questo articolo?
  • L’articolo contiene un numero esorbitante di Ads che distraggono e infastidiscono la lettura?
  • Ti aspetteresti o potresti immaginare che l’articolo possa essere pubblicato su un giornale, un’enciclopedia (come Wikipedia) o un libro?
  • Gli articoli del sito sono (troppo) corti, privi di contenuto o poveri d’informazioni che potrebbero invece essere importanti per rendere il contenuto speciale agli occhi del lettore?
  • Gli articoli del sito sono stati creati con cura e attenzione ai dettagli?
  • Gli utenti si risulterebbero insoddisfatti se trovassero del contenuto proveniente da questo sito?

Se desideri ulteriori informazioni ti consigliamo l’articolo del nostro blog relativo a quella che consideriamo la chiave per il successo SEO a lungo termine.

Scrivere un algoritmo che riesca a definire la qualità di una pagina o di un sito è un compito molto difficile, ma speriamo che le domande soprascritte diano un’idea di come cerchiamo di scrivere gli algoritmi che distinguono i siti di alta qualità da quelli di bassa qualità.

Amit Singhal, Google Fellow, Software Engineer

Le indicazioni citate precedentemente sono quelle usate da Google come punto di partenza per valutare la qualità dei contenuti.

Ti consigliamo anche di evitare di creare dei cosiddetti “testi SEO“, perché non esiste alcun contenuto che può essere definito tale.

Cosa dice Google?

I nostri algoritmi relativi alla qualità dei siti web hanno l'obiettivo di aiutare gli utenti a cercare contenuti di buona qualità, riducendo i ranking di quelli scadenti.

Fonte: Google Webmaster Blog

Concludendo

Google diventerà sempre più bravo a riconoscere la qualità dei contenuti e a prenderli in considerazione per i posizionamenti. Per questo motivo vale la pena concentrarsi sulla qualità dei propri testi.

Informazioni aggiuntive sull’argomento

Articoli correlati