rel-nofollow

La mia pagina è stata erroneamente tolta dall’indice: i suoi Ranking sono ormai persi?

Nella maggior parte dei casi i ranking non dovrebbero essere andati persi, tuttavia la risposta a questa domanda dipende molto da quando è stata estromessa la pagina (o il sito).

Come gestire l’indicizzazione di siti web estesi in ottica SEO

Non appena il sito eccede le dimensioni di una tipica homepage privata, emergono una serie di nuove sfide che non bisogna sottovalutare. Una di queste riguarda il fatto che il contenuto esistente appartiene all’indice di Google, e deve essere il più completo ed aggiornato possibile. I punti indicati in questo […]

Cos’è un link nofollow?

Il valore dell’attributo “nofollow”, chiamato anche “tag nofollow”, è usato per dare delle istruzioni specifiche ai motori di ricerca, ovvero di non seguire uno o più link di un sito. In questo modo, quindi, i motori di ricerca non scansioneranno le pagine collegate al link.

È utile usare l’attributo NOFOLLOW per pagine contenenti note legali?

Generalmente usare l’attributo “nofollow” per i link interni non porta alcun vantaggio. I riferimenti interni a pagine come, ad esempio, le note legali o l’informativa sulla privacy, non dovrebbero essere contrassegnate come “nofollow” per permettere lo “scorrimento naturale del PageRank”.

Quando vale la pena usare NOFOLLOW in link esterni o interni?

I link impostati come Nofollow non passano alcun Linkjuice alla pagina collegata, per cui non vengono seguiti dal crawler del motore di ricerca. Quando ha senso usare l’attributo Nofollow per i link interni o esterni?

Esistono link che devono per forza essere NOFOLLOW?

Nelle sue linee guida Google specifica le direttive secondo le quali alcuni tipi di link dovrebbero essere impostati come Nofollow: in questo articolo t’indicheremo quali sono.