Ama il tuo sito: un appello per più indipendenza

Johannes Beus
Johannes Beus
3. Maggio 2019
Johannes Beus
Johannes Beus
Johannes Beus ist Gründer und Geschäftsführer von SISTRIX.

I giganti del web Google, Amazon, Facebook, e Apple (GAFA) dominano la rete (occidentale), mentre noi rimaniamo semplici spettatori. Proprio per questo motivo il tuo sito dovrebbe essere oggetto di particolare attenzione e in questo articolo ti spiegherò perché.

Peter Thiel, imprenditore della Silicon Valley di origine tedesca, fondatore di PayPal e Palantir, nonché ex investitore di Facebook, ha sostenuto una tesi fondamentale nel suo libro “Zero to One”:

Monopoly is the condition of every successful business.

Zero to One, Peter Thiel 

Dal punto di vista imprenditoriale i monopoli hanno un vantaggio fondamentale: l’assenza di concorrenti porta profitti elevati e durevoli. Si tratta di un punto centrale per le multinazionali GAFA: il rapporto con il cliente deve dipendere da loro. Solo in questo modo l’accesso a questi clienti può essere costantemente rivenduto.

Per mantenere questo rapporto con il cliente, essi devono essere i dominatori del campo: gli utenti si muovono in un universo di aziende senza mai abbandonarlo, ed è un fatto ben riconoscibile sia su Amazon, sia su Apple. Quando si effettua un acquisto da un venditore Marketplace oppure un download da una App dell’Iphone via Apple Store non si ha alcun contatto diretto con il fornitore, bensì solo con Amazon e Apple.

Il gruppo Facebook ha imparato dal suo social network Facebook, ormai morente, e quindi su Instagram ha impedito quasi completamente la possibilità di uscire dalla piattaforma. Solo Google ha, per natura, maggiori difficoltà: essendo un motore di ricerca, raccomandare siti web adeguati è una caratteristica intrinsecamente inclusa nel suo modello di business. Ma anche qui ci sono modi e mezzi: il proprio browser o le “estensioni” HTML come AMP sono strumenti per spingere l’internet pubblico sempre più nel suo campo da gioco.

Nel prossimo futuro questo Status Quo non cambierà: il web (occidentale) appartiene di fatto alle quattro grandi multinazionali GAFA. Gli sforzi regolamentari della Commissione UE stanno arrivando con molto ritardo e passeranno anni prima che i loro effetti siano effettivamente visibili (sempre se accadrà!). Un’eventuale tassazione a livello di Unione Europea è una musica dell’avvenire e la lotta contro le lobby come quella di VG Wort sulla base della nuova riforma del copyright è avvincente, ma non avrà successo. Le aziende devono seguire quindi un obiettivo: fare del proprio meglio nelle circostanze in cui si trovano.

Come si può procedere, a questo punto? Il mio consiglio è di colpire le multinazionali GAFA usando le loro stesse armi: assumi il controllo del contatto diretto con i clienti, gli interessati e i visitatori, continuando con metodi non monopolizzabili. I punti fondamentali sono due: il tuo sito e una comunicazione diretta via mail.

Ama il tuo sito

Il tuo sito deve essere il centro di tutte le tue attività online: solo grazie ad esso avrai un controllo completo e a lungo termine. Metaforicamente parlando, il tuo sito è la tua casa, che si trova nella tua proprietà, mentre le attività che stai costruendo su grandi piattaforme sono solo temporanee, e al loro interno le condizioni possono modificarsi in qualsiasi momento e senza preavviso.

Naturalmente non è semplice creare e gestire un sito di successo. Su molti livelli le aspettative sono alte e perennemente in crescita: tempi di caricamento rapidissimi, assistenza su tutti i tipi di dispositivi, design gradevole (ma di spicco), usabilità semplice, contenuti perfetti sotto forma di testi, immagini, video e tanto altro. Il benchmark di visitatori si orienta ai prodotti delle multinazionali GAFA, che sono normalmente molto buoni. Tenere il passo non è facile, ma è fattibile, e non ci sono tante altre alternative, per essere sinceri.

Per vincere questa sfida il tuo sito non può essere semplicemente un progetto come tutti gli altri. Non puoi fare finta di niente quando il tuo visitatore è costretto a cliccare prima sul popup relativo alla protezione dei dati personali, poi sul promemoria di notifica del browser e infine sull’iscrizione alla newsletter, raggiungendo magari poi tre righe di contenuto. Una navigazione confusa deve causarti un malessere fisico, in modo che tu sia costretto a cambiarla con una variante User Friendly il prima possibile. Il tuo sito è il canale che necessita la tua massima attenzione a lungo termine.

Il tuo comportamento nei confronti delle multinazionali GAFA deve rispecchiare il loro stesso comportamento nei tuoi confronti: sfrutta i loro punti di forza e i loro flussi di visitatori dove ha senso per te e il tuo business, ma non affidarti completamente ad essi e sii preparato al fatto che domani le regole del gioco potrebbero essere completamente differenti. Non investire sforzi inutili nelle loro piattaforme, usa piuttosto il tempo per il tuo sito.

Riassunto

Non c’è bisogno d’indorare la pillola: le multinazionali GAFA dominano internet e questa situazione non cambierà a breve. Affrontala quindi pragmaticamente e usa queste piattaforme per inviare i visitatori al tuo punto di riferimento: il tuo sito. Investici tempo, energia e amore. Si tratta della tua opera, che si spera sopravviverà al loro monopolio.

Commenti
Scrivi il primo commento a questo post.