Collegamento a Fogli Google

Fogli Google fa parte di Google Office. Poiché contiene già una funzione di import per XML, i dati API del Toolbox possono essere importati facilmente e rapidamente. In questo articolo ne spiegheremo il funzionamento.

Fogli Google, precedentemente noto come Documenti Google, è la versione web di Google di Microsoft Excel, e funziona all’interno del browser, salvando tutti i dati su Google Cloud. Esso non è quindi vincolato ad una piattaforma, permettendo ad un documento di essere visualizzato e modificato da molti utenti allo stesso tempo.

Creare un nuovo documento su Fogli Google

Nel primo passaggio creeremo un nuovo documento su Fogli Google. A tale scopo, visita il seguente URL nel tuo browser:

https://docs.google.com/spreadsheets/u/0/

Adesso fai click sul grande pulsante verde “più” posto nell’angolo in alto a sinistra del browser. Verrà creato un nuovo foglio di lavoro e potrai iniziare subito a modificarlo.

Collegare le API utilizzando importXML

Con la funzione importXML, Fogli Google ti offre la possibilità d’importare dei contenuti esterni XML all’interno dei tuoi fogli di lavoro. Siccome l’API di SISTRIX può riportare i dati anche in formato XML, collegare entrambi i sistemi è semplice.

Per utilizzare questa funzione, inserisci in una cella i dati seguenti:

=importXML("URL"; "XPath-Request")

Nel campo URL, digiterai l’URL esatto dell’API di SISTRIX, compresa la tua chiave API e tutti i relativi parametri. Puoi richiedere o visualizzare la tua chiave API in questa pagina. Una panoramica di tutti i metodi API è disponibile nella documentazione esistente. Per cedere ad esempio la panoramica del dominio sistrix.de, inserisci l’URL seguente:

https://api.sistrix.com/domain.overview?api_key=YOURAPIKEY&domain=sistrix.com

Il secondo campo della funzione indica quali dati della risposta XML dovrebbero essere copiati nel tuo foglio di lavoro di Google, secondo una XPath Definition. In un primo momento, XPath può sembrare un po’ criptico, ma si impara in fretta e le risposte dell’API di SISTRIX contiene comunque un XML semplice.

Con un tester XPath, come quello di Codebeautify.org, puoi ottenere rapidamente dei risultati: si tratta di una pagina in cui è possibile caricare il codice XML dell’API (tramite il pulsante “Carica URL”) e testare le possibili variazioni XPath (nella parte inferiore).

Nel caso dell’esempio precedente, la panoramica di dominio della pagina sarà ottenibile con il dato seguente:

//@value

Quindi, unendo i due valori, nella cella della tabella si dovrà inserire la formula seguente:

=importXML("https://api.sistrix.com/domain.overview?api_key=LATUACHIAVEAPI&domain=sistrix.com"; "//@value")

Al termine di ciò, Google effettuerà la funzione della richiesta API per te ed inserirà i dati attuali dall’API di SISTRIX nel tuo foglio di lavoro. Tutti gli altri metodi API possono essere incorporati utilizzando il medesimo procedimento.

Fonti ulteriori