Google dispone i risultati video in un formato carosello

de_DEes_ESfr_FRus
· 16. luglio 2018 · 0 Commenti
Johannes Beus
Johannes Beus ist Gründer und Geschäftsführer von SISTRIX.
A partire dalle ultime settimane di giugno, Google ha rinnovato completamente la disposizione dei risultati video nelle SERP grazie all'uso di un formato carosello, invece di farli concorrere con i risultati organici. 

Google sembrerebbe aver capito quanto le SERP apparissero caotiche negli ultimi tempi, per cui ha deciso di fare un po’ di ordine nel marasma di formati ed integrazioni differenti. Uno dei cambiamenti maggiori riguarda proprio i risultati video.

Finora i risultati video entravano in concorrenza con i risultati organici “normali” presenti nelle SERP, differenziandosi solo grazie ad una piccola immagine d’anteprima:

Per evitare confusione, da ora in poi Google integrerà i video all’interno delle SERP utilizzando il formato carosello, già ampiamente conosciuto:

In questo modo Google riunisce in un unico carosello tutti i video che precedentemente si posizionavano nelle prime 100 posizioni, mostrando, di fianco all’immagine di anteprima, anche la piattaforma in cui si trovano e altre informazioni rilevanti.

Questa rappresentazione ha causato una forte diminuzione della visibilità organica dei domini che si posizionavano grazie a tali video. Questo fatto si nota soprattutto per Youtube.com, anche se persino altre piattaforme relative alla condivisione e alla visualizzazione in rete di video ne sono state colpite, ad esempio quelle relative a testate giornalistiche.

Guardando l’altro lato della medaglia, tale formato può però offrire nuove opportunità, in quanto i risultati che si posizionavano precedentemente in basso possono ora essere trovati più facilmente.

Inoltre non è più necessario indicare una piattaforma video come fonte, in quanto Google mostra anche il relativo URL. Ad esempio, se un video si trova su Youtube, Google non mostra come risultato l’URL di Youtube, bensì l’URL della pagina in cui è collocato il video.

11.003 diversi domini presentano ora i risultati video con il nuovo formato carosello

Questo non significa che il formato carosello sia un “club esclusivo” per poche grandi piattaforme: al suo interno si possono infatti trovare molti domini differenti. Per quanto riguarda i dati aggiornati relativi all’Italia, ben 11.003 domini possiedono risultati video secondo il formato carosello.

Ovviamente Youtube domina tra le piattaforme utilizzate, ma anche tanti altri domini minori hanno ora maggiori opportunità. Di seguito riportiamo la tabella relativa ai 25 migliori domini attuali:

Domini con maggior numero di video in formato carosello
#DominioQuantità di video
1youtube.com510.358
2raiplay.it47.302
3dailymotion.com38.846
4repubblica.it34.381
5rai.tv28.512
6la7.it22.042
7msn.com19.622
8facebook.com18.552
9vimeo.com17.520
10gazzetta.it16.098
11rainews.it14.217
12gelocal.it12.419
13corriere.it12.049
14virgilio.it10.768
15gds.it7.814
16askanews.it6.674
17comingsoon.it6.169
18affaritaliani.it5.677
19leggo.it5.325
20lettera43.it5.289
21105.net4.988
22liberoquotidiano.it4.709
23twitter.com4.372
24corr.it4.122
25lapresse.it3.807

Articoli correlati

Pagine di categoria o contenuti duplicati? Il caso di leroymerlin.it

L’Indice di Visibilità di SISTRIX mostra quanto un dominio sia visibile su Google ed è quindi un parametro fondamentale per misurare e valutare la propria performance SEO: una ricaduta nell’andamento di questo grafico deve essere interpretata come campanello d’allarme e seguita da un’immediata analisi del proprio sito, in modo da […]

Elisa Paesante
16. luglio 2018
Perché la SEO è importante? Un caso di successo

Chi possiede un sito web di riferimento per il proprio business, che si tratti di un’azienda o di un privato, si sarà probabilmente fatto spesso una domanda: è veramente necessario investire delle risorse per fare in modo che il mio sito sia posizionato nel modo migliore all’interno delle pagine dei […]

Elisa Paesante
16. luglio 2018
I rischi del cambio di dominio: il caso di barilla.com

Un cambio di dominio necessita di una pianificazione attenta di tutti i dettagli, così come indicato dalle linee guida di Google. Purtroppo questo procedimento, in teoria così semplice, nella pratica porta spesso a dei problemi che potrebbero influenzare la visibilità del proprio dominio nelle pagine di risultato dei motori di […]

Elisa Paesante
16. luglio 2018

Scrivi un commento

I commenti saranno disattivati 30 giorni dopo la pubblicazione di questo post.