La nuova generazione di analisi delle SERP

Johannes Beus
Johannes Beus
Johannes Beus ist Gründer und Geschäftsführer von SISTRIX.

I risultati di Google sono sempre più variegati: oltre a quelli organici ne troviamo infatti molti altri tipi. Per rimanere al passo con le SERP abbiamo quindi deciso di monitorare e rappresentare questi dati in un modo completamente nuovo.

Ne è passata di acqua sotto ai ponti dal tempo dei classici “10 link blu”: ad oggi sempre più risultati differenti si vanno ad aggiungere a quelli organici all’interno delle SERP di Google. L’obiettivo di SISTRIX è quindi divenuto quello di mostrare l’effettiva realtà delle pagine dei risultati, e in questo articolo ti spiegheremo lo sviluppo, i dettagli e la trasposizione concreta del cambiamento che abbiamo attuato.

Pochi utenti di Google avranno notato la differenza, ma per i SEO il fatto che siano i risultati organici o le numerose integrazioni di Google ad apparire nella parte superiore delle SERP fa un’enorme differenza. Spesso un’immagine dice però più di mille parole: di seguito abbiamo riportato la prima pagina della query di ricerca “pc portatili” su Smartphone.

Dall’immagine si vede bene come i risultati di ricerca siano divenuti molteplici: annunci di diversi tipi e colori, news, domande degli utenti, Google Shopping, query simili e, naturalmente, i risultati organici. Abbiamo quindi cominciato il nostro lavoro catalogando e classificando miliardi di risultati e tipi d’integrazioni, come quelle seguenti:

Google crea le SERP in base all’intento di ricerca, alla disponibilità dei dati e ad un’eventuale monetizzazione degli stessi, utilizzando numerosi tipi di riquadri. In totale abbiamo contato circa 40 tipi diversi di risultati, che vanno dai classici organici, ai Featured Snippet, fino alle varie integrazioni verticali di Google (ad esempio la ricerca di aerei e hotel) e ai tipi più rari, come i giochi interattivi per le lingue straniere (i cosiddetti “Word Coach”).

Riconoscimento di circa 40 tipi di risultati diversi

Abbiamo deciso di rendere analizzabile questa quarantina di tipi di risultati differenti nel Toolbox SISTRIX: investendo molte risorse siamo riusciti a riconoscere tutti quelli permanenti e salvarli insieme alla loro posizione, mettendo a disposizione tale valutazione ai nostri utenti.

Per numerosi tipi di risultati analizziamo anche i contenuti corrispondenti: nel box news potrai vedere le notizie linkate, nell’image box quali immagini vengono mostrate, e così via. Vengono considerate anche le query di ricerca correlate, le attività locali e tanto altro.

I ranking organici valutati come prima

Non è stato modificato nulla nella valutazione dei ranking organici. La maggior parte dei tipi di risultati analizzati non sostituiscono i classici risultati organici, bensì si aggiungono ad essi. Quelli che lo fanno (come il box video nell’esempio qui a lato) venivano comunque già valutati nel Toolbox come dei normali risultati organici. Questa modifica non comporta quindi alcun cambiamento radicale nei ranking del Toolbox, né nell’Indice di Visibilità.

Il futuro della ricerca è mobile

Esattamente come prima, le query di ricerca vengono da noi monitorate ed analizzate distinguendo desktop e Smartphone. Negli ultimi mesi è però diventato ancora più chiaro che il primo di essi ha decisamente meno rilevanza per Google: tutti i cambiamenti e gli aggiornamenti più importanti avvengono infatti prima di tutto su Smartphone, mentre le SERP desktop vengono modificate a seguire. Se i ranking organici per desktop e Smartphone sono sempre più simili, l’elaborazione degli altri tipi di risultati mostra invece delle grandi differenze.

Conclusione

Grazie al Toolbox SISTRIX otterrai velocemente un’ottima visione d’insieme dei risultati di ricerca di Google, grazie al riconoscimento e alla valutazione non solo dei risultati organici, ma anche di tutti gli altri tipi. In questo modo sarà ancora più semplice basarsi su questa banca dati per analizzare l’intento di ricerca di una query, l’ambiente competitivo di un sito, lo sviluppo temporale delle SERP, e tanto altro ancora. Questa espansione è, come sempre, gratuita per tutti gli utenti del Toolbox SISTRIX.

Articoli correlati
Commenti
I commenti saranno disattivati 30 giorni dopo la pubblicazione di questo post.