Frequenza di rimbalzo (Bounce Rate)

La "Frequenza di Rimbalzo" analizza quanto spesso un utente ha abbandonato una pagina web senza visitare un'altra pagina. Questi "rimbalzi" vengono spesso considerati dei segnali negativi, in quanto si deduce che il sito non è riuscito a catturare l'interesse dell'utente, convincendolo a rinunciare.

Questo parametro è indicato anche nei software di analisi come Google Analytics e indica la percentuale dei visitatori che ha visitato una determinata pagina senza cliccare su alcun link interno, e quindi che non ha approfondito la ricerca nel sito. La frequenza di rimbalzo separa quindi il numero di visitatori che passano da una determinata pagina del sito ad uno o più livelli maggiormente profondi, dal numero di quelli che hanno abbandonato immediatamente tale pagina del dominio.

Ricorda però che la frequenza di rimbalzo non deve essere confusa con la percentuale di uscita (Exit Rate).

Una pagina che abbia una frequenza di rimbalzo minore viene normalmente considerata positiva. Questo perché, se un visitatore s’addentra maggiormente nel sito, significa che la pagina è riuscita a catturare il suo interesse tanto da portarlo ad approfondire l’argomento. Inoltre il Bounce Rate è ancora spesso considerato un fattore di Ranking di Google.

Come viene esattamente calcolata la frequenza di rimbalzo?

È importante sapere come viene espressa la frequenza di rimbalzo dal proprio software di analisi, che si tratti di Google Analytics, Piwik, Adobe Analytics, ecc.

Google Analytics, ad esempio, considera un Bounce qualsiasi azione per la quale viene iniziata una sessione con uno specifico URL (accesso), ma che non viene seguita dall’apertura di alcun’altra pagina del dominio.

Google fornisce questo chiaro esempio:

  • Lunedì: pagina A > pagina B > pagina C
  • Martedì: pagina B > pagina A > pagina C
  • Mercoledì: pagina A > uscita

Fonte: https://support.google.com/analytics/answer/2525491?hl=es

Il Bounce Rate della pagina A ammonta al 50%, in quanto Analytics conta come accesso solo lunedì e mercoledì, e solo il mercoledì non sono state aperte altre pagine del dominio. La pagina A avrà quindi 2 accessi e il 50% di frequenza di rimbalzo.

La frequenza di rimbalzo è un fattore di Ranking?

La frequenza di rimbalzo NON è un fattore di Ranking!

Numerosi dipendenti di Google lo hanno fatto presente negli anni:

I’ll just say that bounce rates would be not only spammable but noisy.

Matt Cutts su Sphinn.com

E Gary Illyes su Twitter:

Tweet sulla frequenza di rimbalzo

Cosa intende Google, quando definisce la frequenza di rimbalzo “noisy”?

Quando Matt Cutts parla di segnali “rumorosi” (“noisy”) indica quelli che producono un certo rumore quando ne vengono visualizzati i dati. La cosa migliore sarebbe di presentare a Google dei segnali chiari, che presentino una struttura “aut… aut” ben definita e che siano indipendenti dalla situazione (ad esempio: “Avere dei biscotti è bello” e “Non avere dei biscotti è brutto“).

Un esempio di una distribuzione “non rumorosa”, che presenta due frequenze di dati ben separabili l’una dall’altra, è la seguente:

Esempio di fonte non "rumorosa". Fonte: https://en.wikipedia.org/wiki/Scatter_plot

I dati producono rumore se mancano delle parti ben definite:

Dinotastico, ma non presenta frequenze di dati ben definite 
Fonte: http://www.thefunctionalart.com/2016/08/download-datasaurus-never-trust-summary.html

Fonte: http://www.thefunctionalart.com/2016/08/download-datasaurus-never-trust-summary.html

In alcuni casi, anche se i dati sono ben definiti, può ancora accadere che i risultati non significhino sempre la stessa cosa. Ad esempio, potremmo decidere di creare un sito solo con colori chiari o solo con colori scuri, ma un utente potrebbe preferire solo quelli chiari, e un altro solo quelli scuri. I dati in questo caso non sarebbero quindi indicati per definire un vero e proprio fattore di Ranking.

Da una prospettiva di Online Marketing, una bassa frequenza di rimbalzo può essere considerata un parametro importante per una data pagina. Naturalmente il nostro desiderio è che il visitatore del nostro sito si addentri maggiormente e prenda in considerazione le nostre offerte: si tratta di una cosa legittima e, per molte pagine, quello che ci si aspetterebbe da un SEO.

Tuttavia, sono numerosi i motivi per cui ci si deve aspettare un’alta frequenza di rimbalzo, in quanto significa che il visitatore ha trovato esattamente ciò che cercava:

Immagina di voler visitare un museo nel weekend e quindi di voler consultare su internet gli orari di apertura. La pagina ti si presenta nei risultati di ricerca e ti permette di trovare immediatamente ciò che cerchi.

A questo punto potresti decidere di cliccare ulteriormente nel sito e guardare le immagini delle opere esposte, oppure spegnere immediatamente il computer e andare al museo.

In questo secondo caso, la frequenza di rimbalzo da te causata segnala che hai trovato esattamente quello che avevi richiesto al motore di ricerca. Questo significa che anche il fattore delle Linee Guida per Quality Rater di Google “Needs Met” sarebbe impostato su “Fully Meets”.

È quindi comprensibile che Google non voglia inserire la frequenza di rimbalzo tra i fattori di Ranking. Per i webmaster un tale parametro può però rivelarsi utile ed eloquente.

Qual è una buona frequenza di rimbalzo?

Una frequenza di rimbalzo positiva o negativa per una pagina dipende soprattutto dal gestore della stessa e da quello che desidera raggiungere. Prendendo di nuovo l’esempio del museo, potremmo ampliare l’affermazione “La pagina degli orari di apertura ha un’elevata frequenza di rimbalzo” con la spiegazione “In quanto la pagina è finalizzata ad offrire delle specifiche informazioni (orari di apertura) per soddisfare i bisogni di ricerca degli utenti che cercano tale informazione”, per poi misurarla e classificarla.

Se invece si tratta di una Landing Page che ha lo scopo di invitare i visitatori ad iscriversi ad una newsletter, un’elevata frequenza di rimbalzo sarebbe un indizio che questi non sono abbastanza convinti a cliccare sull’iscrizione alla newsletter e raggiungere quindi la prossima pagina (oppure che le informazioni da fornire sono troppe).

Esistono anche delle pagine che mettono in conto un’elevata frequenza di rimbalzo senza esserne allarmati.

Quando, ed esempio, il tuo programma Analytics mostra un Bounce Rate alto relativamente alla pagina iniziale, questo potrebbe voler dire che gli utenti non vengono chiaramente esortati all’azione, oppure che moltissimi visitatori hanno raggiunto la pagina tramite i motori di ricerca, ma questa non è di particolare interesse per loro, in quanto si posiziona con query di ricerca molto generiche. In questo caso è utile riflettere sul motivo di una così elevata frequenza di rimbalzo.

Considerata questa possibilità, ha senso sostituire la domanda “La frequenza di rimbalzo è un fattore di Ranking?” con “Qual è una buona frequenza di rimbalzo per la pagina X?”. A questo punto si può riflettere su quale azione è richiesta ai visitatori di quella data pagina e su dove indirizzarli in seguito, oppure se la pagina soddisfa già il bisogno di ricerca degli utenti.

Quali sono i vantaggi della frequenza di rimbalzo?

La frequenza di rimbalzo può indicare se la pagina ha soddisfatto lo scopo per la quale è stata creata. In questo caso è utile riflettere su quali azioni sono richieste ai visitatori della pagina e dove li si vuole dirigere (leggi a proposito anche il nostro articolo relativo all’architettura di una pagina web).

Analizziamo due esempi di frequenze di rimbalzo differenti, con relative qualità:

  1. Immagina di avere una Landing Page che si rivolge ad un gruppo target molto specifico (senza dare importanza se arrivino dalla ricerca organica, AdWords, social network o richiesta diretta del sito). In questa pagina desideri che gli utenti prendano in considerazione una newsletter, informandosi e poi lasciando nome e indirizzo mail nel formulario “Iscriviti alla newsletter”, per poi inviarlo.
     
    Dopo tutto ciò, vorresti anche indirizzare gli utenti ad una seconda pagina, in cui li ringrazi dell’interesse e li informi delle newsletter passate utilizzando dei link interni.
     
    In questo caso sarebbe meglio che la frequenza di rimbalzo della prima pagina sia minore possibile: un rimbalzo significherebbe che il visitatore non si è iscritto alla newsletter (e a quel punto potresti misurare il Conversion Rate per determinare il successo della pagina).
  2. Il nostro secondo esempio si riferisce invece ad una pagina informativa, che riguarda un argomento specifico dell’Online Marketing, spiegato nel dettaglio. In questo caso un’elevata frequenza di rimbalzo potrebbe essere un segnale positivo, in quanto significherebbe che la richiesta dei visitatori è stata soddisfatta ampiamente.
     
    Può ovviamente anche accadere che il testo non abbia catturato l’interesse dei visitatori e che questi abbiano abbandonato la pagina.

Nel primo esempio è chiaro che una frequenza di rimbalzo elevata dovrebbe essere seguita da una riflessione sulla pagina, sul gruppo di riferimento e su eventuali misure di ottimizzazione del Conversion Rate.

Nel secondo esempio invece una frequenza di rimbalzo elevata non dovrebbe causare il panico: in quel caso sarebbe utile valutare altre caratteristiche, ad esempio il Time-on-Site o lo Scroll Depth, in modo da decidere se la pagina raggiunge gli obiettivi prefissati.

Questa ambivalenza ci porta a considerare il prossimo paragrafo: gli svantaggi.

Quali sono gli svantaggi della frequenza di rimbalzo?

Purtroppo la frequenza di rimbalzo non è uno strumento certo per dimostrare se una pagina ha una buona performance o meno: anche se elevata, non significa necessariamente che l’esperienza degli utenti sia stata negativa. È naturale che, nel caso di alcune informazioni o pagine, gli utenti abbandonino più velocemente il sito: l’importante è che abbiano trovato ciò che cercavano.

Spesso si cerca di combattere un’elevata frequenza di rimbalzo, sprecando magari risorse preziose.

Inoltre, un altro problema può derivare dal fatto che i diversi software di analisi calcolano questo parametro in modo diverso, per cui questo valore non sempre significa quello che si pensa.

Qual è la differenza tra frequenza di rimbalzo e percentuale di uscita?

Per la percentuale di uscita, Google Analytics calcola la percentuale di apertura della pagina, la cui sessione è terminata sulla pagina stessa.

Ad esempio, se consideriamo le seguenti sessioni:

  1. Lunedì: pagina A > pagina B > pagina C
  2. Martedì: pagina B > pagina A > uscita
  3. Mercoledì: pagina A > uscita

Otteniamo le seguenti percentuali di uscita:

Pagina A: 66% – la pagina A è stata aperta 3 volte ed è stata per 2 volte l’ultima pagina

Pagina B: 0% – la pagina è stata aperta 2 volte e non è mai stata il punto finale

Pagina C: 100% – la pagina C è stata aperta 1 volta, e quell’occasione è stata anche il punto finale

Conclusione

La frequenza di rimbalzo permette al webmaster di avere un’idea se i visitatori usano la pagina così come era stata originariamente pensata. Questo valore, però, non dovrebbe mai essere valutato singolarmente, bensì prendendo sempre in considerazione il suo legame con altre metriche. Ci si dovrebbe inoltre domandare cosa dovrebbero apprendere i visitatori da quella pagina e quale azione dovrebbero in seguito svolgere.

Infine è utile sapere come viene calcolato questo parametro dal proprio software di analisi, accertandosi che il codice Analytics sia collegato correttamente alla pagina, e che stia valutando i dati giusti.