June 2021 Core Update: l’estate degli aggiornamenti di Google

Google si è preso il suo tempo: quasi a metà anno arriva il primo Core Update del 2021 approvato ufficialmente. In questo articolo vedremo i primi effetti e parleremo del perché questa sarà l’estate degli aggiornamenti d’algoritmo.

I cosiddetti “Core Update” sono interventi approfonditi all’algoritmo dei ranking, responsabile dell’ordine dei risultati nelle pagine di ricerca (o SERP) di Google. A differenza dei piccoli aggiornamenti che avvengono quasi ogni giorno, i Core Update scompigliano spesso per bene i risultati organici, nonché l’intera branca della SEO.

L’ultimo Core Update ufficialmente confermato da Google è stato quello di dicembre 2020, quindi quasi 6 mesi fa. Google si è preso stranamente parecchio tempo prima di annunciare il June 2021 Core Update:

Annuncio del Core Update

Google ha anche già dichiarato che il nuovo Core Update è stato distribuito completamente nei vari Data Center: a partire da domenica 6 giugno abbiamo iniziato a vedere i primi movimenti nelle pagine dei risultati italiane, che potrai analizzare grazie ai dati giornalieri di SISTRIX.

Non hai ancora un account di prova? Testalo ora gratis.

L’estate dei Core Update

Nell’annuncio dell’aggiornamento di giugno, Google ha anche proclamato un secondo Core Update per il mese prossimo, necessario per portare a termine tutti i cambiamenti pianificati. Questo significa che una parte del Core Update verrà lanciata questo mese, mentre il resto un mese dopo al suo completamento.

Dovremo quindi prepararci ad un’estate all’insegna degli aggiornamenti, senza contare il famoso Page Experience Update, annunciato da tempo e poi posposto a metà giugno. Per ricapitolare quindi:

  • June Core Update: lanciato dal 3 giugno 2021 e di cui si cominciano a vedere i primi cambiamenti nelle SERP di Google. Si tratta di un “classico” Core Update.
  • July Core Update: la seconda parte dell’aggiornamento al momento in corso. Non si conoscono ancora tutti i dettagli a riguardo, ma si può supporre che i cambiamenti saranno più marcati.
  • Page Experience Update: l’aggiornamento annunciato l’anno scorso e che deriva da una serie di fattori legati all’esperienza utente, tra cui i famosi valori dei Core Web Vitals.

Il Page Experience Update non avrà però un vero e proprio impatto, siccome Google lo metterà in atto lentamente e gradualmente, diluendolo nel corso dei mesi.

Inoltre, negli ultimi mesi, Google ha ridotto sempre più l’importanza del fattore della Page Experience: al momento si parla solo più di un “Tie Breaker“, il che significa che la sua rilevanza sarà significativa quando anche tutti gli altri fattori di ranking risulteranno equivalenti (cosa che non avverrà praticamente mai, nel concreto).

Cosa distingue il Core Update di giugno 2021 dagli altri cambiamenti di ranking

Nel corso di quest’anno, già prima di questo Core Update, abbiamo assistito a diversi movimenti nelle pagine dei risultati di Google (lo abbiamo visto, ad esempio, in questo articolo).

Prima di addentrarci nell’analisi è quindi necessario dissociare tali movimenti dal Core Update attuale, in modo da comprendere nel modo giusto cause ed effetti.

Le SERP italiane avevano subito un forte scossone a marzo 2021, insieme a quelle di altri Paesi europei, come la Spagna, la Francia e il Regno Unito. In Germania, invece, qualche settimana fa avevamo assistito ad una serie di movimenti anomali (secondo Google, non dettati da un Core Update), come vediamo nel grafico successivo:

Confronto tra statista.com, northdata.de e lifepr.de

Tutti i tre domini (statista.comnorthdata.de e lifepr.de) si muovono nello stesso ambiente, in quanto offrono contenuti che non sono necessariamente trovabili solo su questi domini.

È interessante notare che l’Indice di Visibilità di questi domini procede in parallelo, perdendo visibilità e riguadagnandola in seguito.

Simili andamenti li avevamo notati anche in altre branche, come nel caso di questi domini di viaggi:

Confronto tra belvilla.de, adacreisen.de e der.com

Anche questi siti (belvilla.deadacreisen.de e der.com) mostrano dei chiari parallelismi nello sviluppo della visibilità.

A questo proposito è importante ricordare che l’Indice di Visibilità misura il successo SEO, non le fluttuazioni nella domanda.

I grafici precedenti riguardano quindi dei cambiamenti reali legati ai ranking dei domini, e non derivano dal fatto che il volume di ricerca delle keyword corrispondenti sia cambiato temporaneamente. Proprio per questo motivo è importante affidarsi alla giusta base di dati quando si analizza un Core Update:

  • Aggiornamento giornaliero: gli aggiornamenti giornalieri sono fondamentali per delineare le cause dell’Update in modo affidabile, siccome i cambiamenti di ranking avvengono a distanza di pochi giorni.
  • Nessun legame con le fluttuazioni della domanda: per valutare il proprio successo in campo SEO è necessario escludere i fattori esterni. Tuttavia, i dati di Search Console misurano la domanda (ad esempio, è ora possibile riconoscere che le keyword legate al settore dei viaggi stanno assistendo ad un aumento di volume di ricerca). Clicca qui per saperne di più.

Come riconosco se il mio dominio è stato influenzato da questo Core Update?

Ora che abbiamo spiegato come appare la visibilità dei domini che non sono stati influenzati da questo Core Update, rivolgiamoci invece a quelli che lo sono. L’immagine seguente mostra due domini che hanno perso visibilità a causa dell’aggiornamenti d’algoritmo:

Indice di Visibilità di wikiquote.org
Indice di Visiiblità di businessinsider.com

I grafici, che mostravano una visibilità statica, hanno subito un chiaro calo dopo il 6 giugno 2021. Tuttavia, non tutti i domini devono per forza mostrare un simile andamento: lo vediamo dagli esempi seguenti di domini vincenti.

Indice di Visibilità di torrossa.com
Indice di Visibilità di parchionline.it

La nostra ipotesi per spiegare questa differenza è che i segnali utente (che Google misura via Chrome e nelle SERP stesse) vengono calcolati e presi in considerazione per il Core Update, causando movimenti molto forti e diretti.. Al contrario, i segnali di ranking generati dal contenuto della pagina durante il crawling portano a movimenti meno marcati e diluiti su più giorni.

La visibilità viene distribuita all’interno del proprio settore

Nella maggior parte dei settori è possibile rilevare “vincitori” e “perdenti” di questo aggiornamento. Come per i Core Update precedenti, Google non offre o toglie visibilità ad un intero settore, bensì la ridistribuisce tra alcuni dei suoi protagonisti.

Lo vediamo bene nel confronto tra benessereviaggi.it e readytotrip.com:

Confronto tra benessereviaggi.it e readytotrip.com

Mentre benessereviaggi.it ha guadagnato della visibilità grazie al Core Update, readytotrip.com ne ha persa la stessa quantità. Di seguito vediamo a quali domini ha ceduto visibilità, cioè quelli che ne hanno approfittato.

Domini a cui readytotrip.com ha ceduto visibilità nelle SERP

(Questa feature è ancora in via di sviluppo e sarà presto disponibile su SISTRIX).

Si tratta quasi solo di siti con intento “Do” per la prenotazione di hotel. Sembrerebbe quindi che Google stia riconoscendo sempre meglio l’intento dell’utente e ne tenga conto nella composizione delle SERP.

Altre osservazioni

  • I vincitori e i perdenti di questo aggiornamento sembrano essere meno marcati di quelli precedenti. Questo può derivare da due motivi: da un lato, Google ha annunciato che a giugno verrà lanciata solo una parte delle modifiche, mentre il resto seguirà a luglio. Dall’altro, sembrerebbe che Google stia usando nuovi algoritmi e metriche, procedendo quindi con maggiore cautela.
  • Se l’ultimo Core Update ha influenzato (in positivo o in negativo) domini che erano già stati colpiti da altri aggiornamenti in precedenza, questo fenomeno è meno marcato nell’aggiornamento attuale. Questo potrebbe indicare che Google stia usando (almeno parzialmente) un procedimento nuovo o differente.

9 giugno – il punto della situazione finora

Questo Core Update si sta comportando in modo differente da quelli precedenti: normalmente la maggior parte delle modifiche alla visibilità si arrestava dopo circa un paio di giorni, per cui i domini impattati tendevano a tornare velocemente stabili.

Ad oggi questo “periodo di assestamento” si sta allungando, e la visibilità di molti domini continua ad aumentare o diminuire con la stessa forza dei primi giorni. Lo vediamo in questi casi:

Indice di Visibilità di impresaitalia.info e l'impatto del Core Update
Indice di Visibilità di businessinsider.com e l'impatto del Core Update

La nostra ipotesi è che Google stia incorporando il contenuto dei siti stessi nei ranking, i quali vengono aggiornati ogni volta che Googlebot scansiona il sito. Questo comporta dunque un roll-out più lento del Core Update.

Confronto degli indici di visibilità di siti per aziende

Interessante è anche notare come siano stati impattati numerosi siti per portali B2B, come vediamo dal grafico precedente.

Confronto degli indici di visibilità di siti per aziende - grafico temporale

Questo tipo di siti non era praticamente mai stato impattato da un Core Update in passato (dal grafico vediamo che solo impresaitalia.info aveva reagito al Core Update di maggio 2020.

10 giugno – il punto della situazione finora

Il June 2021 Core Update ha terminato il suo influsso in Germania: le SERP tedesche si stanno stabilizzando e non risultano più grandi cambiamenti nella visibilità dei domini.

Esempio di domini tedeschi in cui il Core Update si sta fermando

Non possiamo dire la stessa cosa per gli altri Paesi europei, tra cui l’Italia:

Google Update Radar di SISTRIX

Come vediamo dal nostro Google Update Radar, le SERP italiane stanno continuando a muoversi, anche se l’impatto non ha ancora registrato gli effetti di marzo, quando avevamo parlato di un probabile Core Update non annunciato da Google. Forte impatto anche sulle SERP spagnole, francesi e, soprattutto, del Regno Unito.

Continuiamo quindi a monitorare la situazione per poi fornirvi una lista di domini vincenti e perdenti quando gli effetti si saranno maggiormente assestati.

14 giugno – il punto della situazione finora

Il nostro Update Radar continua a mostrare forti movimenti nelle SERP italiane, anche se, dall’analisi di alcuni domini, sembrerebbe che pian piano la situazione si stia stabilizzando.

Indice di Visibilità di laltrariabilitazione.it

Alcuni domini vincenti, come nel caso di alamy.it e moovitapp.com, stanno perfino già invertendo la rotta e tornando a perdere.

Indice di Visibilità di moovitapp.com
Indice di Visibilità di alamy.it

Di seguito riportiamo i domini che finora hanno guadagnato o perso maggiore visibilità dall’aggiornamento: nella tabella abbiamo riportato il punteggio dell’Indice di Visibilità del sito in data 31 maggio 2021, e quella odierna (14 giugno 2021), con la percentuale di variazione tra le due date.

Domini vincenti parziali
DominioVisibilità 31/05Visibilità 14/06Variazione
moovitapp.com7,835,1+350%
alamy.it9,439,0+317%
informazione-aziende.it4,016,3+310%
impresaitalia.info3,110,9+251%
indettaglio.it4,111,7+183%
naturalmentesalute.com3,59,8+180%
docplayer.it7,119,7+179%
cylex-italia.it4,412,0+172%
picclick.it18,850,9+170%
dica33.it3,910,2+164%
Domini perdenti parziali
DominioVisibilità 31/05Visibilità 14/06Variazione
businessinsider.com9,21,1-89%
insideover.com3,21,3-60%
domestika.org7,83,3-58%
hdmotori.it5,32,4-54%
bravifarmacie.it3,71,7-54%
cura-avanzata.it3,11,5-53%
raicultura.it15,17,3-52%
mecshopping.it3,41,7-51%
ultimouomo.com6,43,2-50%
laltrariabilitazione.it5,93,0-50%

16 giugno – il punto della situazione finora

Google ha ufficialmente comunicato che il Core Update di giugno 2021 è ormai terminato.

Tweet in cui Google annuncia la fine del Core Update di giugno 2021

La visibilità dei domini colpiti si sta pian piano stabilizzando da qualche giorno a questa parte: non ci resta che attendere l’aggiornamento del prossimo mese per tirare le fila della situazione.

Confronto tra più domini colpiti dal Core Update di giugno 2021

Google però non ha ancora intenzione di andare in vacanza questo mese: come preannunciato tempo fa, da oggi ha dato inizio al Page Experience Update. Per saperne di più puoi leggere il nostro articolo dedicato.

Articoli correlati
Commenti
Effettua il login per inserire un commento