Vuoi ricevere tutte le novità SEO direttamente via mail?

Che cos’è un reindirizzamento 301?

Nel caso di un reindirizzamento (o Redirect) 301, il server risponderà al client (per esempio GoogleBot o un browser web) che la risorsa richiesta (per esempio un URL o un documento HTML) è stata spostata permanentemente ("Moved Permanently") ed è ora disponibile su un nuovo URL.

Tecnicamente parlando, un reindirizzamento 301 rimanda il codice di stato HTTP 301 (“Moved Permanently”). Inviando questo codice, il server reindirizzerà tutte le richieste di un determinato URL fonte al corrispettivo, nuovo URL obiettivo.

Il reindirizzamento 301 ha il vantaggio di reindirizzare sia i client che gli utenti alla risorsa richiesta (l’URL), invece di mostrare loro una pagina di errore 404.

Un reindirizzamento 301 è praticamente invisibile per l’utente, in quanto cambierà solo l’URL nella barra degli indirizzi del browser web, mentre la richiesta durerà poco più tempo del previsto (nella media circa 0,2 secondi).

Il funzionamento di un reindirizzamento 301 in parole semplici

Nel seguente grafico abbiamo riportato i passaggi tecnici che illustrano quello che accade durante un reindirizzamento 301.

Funzionamento redirect 301

Che cosa succede durante un reindirizzamento 301?

  1. GoogleBot vorrebbe raggiungere il file “abc.html” del dominio “dominio.it”
  2. GoogleBot invia una richiesta al server del dominio “dominio.it” e richiede il file “abc.html”
  3. Il server rileva che il file “abc.html” non esiste più all’URL “dominio.it/abc.html”. In aggiunta, il server registra che è presente un reindirizzamento 301 per il file “abc.html” al file “xyz.html”
  4. Il server rimanda a GoobleBot il codice di stato HTTP 301 (“Moved Permanently”) e lo dirige verso il nuovo URL “dominio.it/xyz.html”
  5. GoogleBot capisce che il contenuto del file “dominio.it/abc.html” non può essere trovato all’URL “dominio.it/xyz.html”. Da ora in poi, quando tenterà di accedere al file “dominio.it/abc.html”, l’utente verrà reindirizzato automaticamente a “dominio.it/xyz.html”

Quando si consiglia l’uso di un reindirizzamento 301?

L’utilizzo di un reindirizzamento 301 è utile nel caso di modifiche alla struttura degli URL di un sito o al nome dell’intero dominio. Può avere anche senso nel caso due siti vengano uniti oppure se il contenuto di un sito sia accessibile da diversi URL.

I reindirizzamenti 301 non dissipano troppo PageRank

Un reindirizzamento che utilizza il codice di stato 301 (Moved Permanently) non “spreca”, secondo Matt Cutts (Capo del Team Anti-spam di Google), più PageRank di quanto lo facciano i link. Questa è la ragione per cui è una buona idea usare un reindirizzamento 301 per i link interni ed esterni.

Cosa dice Google?

Se devi modificare l'URL di una pagina come viene visualizzato nei risultati del motore di ricerca, consigliamo di utilizzare un reindirizzamento 301 lato server. Questo è il modo migliore per assicurarsi che utenti e motori di ricerca siano indirizzati alla pagina corretta. Il codice di stato 301 indica che una pagina è stata spostata definitivamente in una nuova posizione.

Fonte: Matt Cutts, Guida di Google Search Console

Concludendo

Se una pagina è stata spostata in modo permanente, usa sempre un reindirizzamento 301. Esso indica infatti che una risorsa si trova stabilmente in un altro luogo e che le richieste future dovranno utilizzare il nuovo URL.

Articoli correlati