Vuoi ricevere tutte le novità SEO direttamente via mail?

GoogleBot può compilare e scansionare dei moduli?

Generalmente GoogleBot cerca di compilare ed inviare i moduli di una pagina per scoprire nuovi contenuti e URL che altrimenti non sarebbero visibili.

Google deciderà su base individuale se l’elemento FORM di una pagina è da considerarsi utile e, in seguito, quando tentare di compilare il modulo utilizzando una minima quantità di richieste naturali, atte a simulare il comportamento dell’utente.

Google scansiona soltanto i moduli che usano il metodo GET e che non chiedono informazioni personali. In aggiunta, il modulo non deve possedere più di due campi di input.

Come posso rendere accessibile a Google il contenuto all’interno dei moduli?

Dovresti impostare i tuoi moduli in modo che GoogleBot possa compilarli e scansionarne i contenuti. Tieni a mente, però, che non puoi costringere GoogleBot a fare queste azioni. Potrebbe anche essere utile aggiungere un testo significativo vicino all’elemento FORM, in modo che ne descriva l’obiettivo.

L’utilizzo del cosiddetto AutoCompleteType-Attribute non aiuta GoogleBot a compilare i moduli, ma è utile agli utenti.

Per assicurarti di non essere totalmente dipendente dall’analisi dei moduli, dovresti collegare tra loro tutte le pagine contenute nel modulo e rendere accessibile almeno una di esse dalla pagina iniziale del dominio. Consigliamo inoltre di rendere disponibile una sitemap HTML o XML per tutte le pagine che possono essere raggiunte attraverso il modulo, in modo che Google possa trovarle facilmente.

Video esplicativo di Matt Cutts (Google) sull’argomento

Ulteriori informazioni di Google sull’argomento

Articoli correlati