Google Page Layout Algorithm Update (Ads Above the Fold)

Il Page Layout Algorithm Update (Ads Above the Fold) è un cambiamento dell’algoritmo dei Ranking di Google che è stato introdotto il 19 giugno 2012 a livello globale. Ma che cosa riguarda esattamente?

Questo cambiamento di algoritmo ha influito solo sull’1% di tutte le ricerche mondiali e aveva lo scopo di migliorare ulteriormente la qualità dei risultati di ricerca.

Google fa molta attenzione all’equilibrio tra contenuto e pubblicità nell’area direttamente visibile (“Above the fold”) di un sito, per cui se la quantità degli annunci supera quella dei contenuti si potrebbe rischiare d’incorrere in una penalizzazione.

“Above the Fold” è un termine usato di frequente nel campo dell’industria tipografica e descrive l’area visibile dello schermo, senza che si scorra con il mouse verso il basso.

Questo aggiornamento si focalizza maggiormente sull’esperienza dell’utente (User Experience) di un sito, dandole più importanza come fattore di Ranking.

Quei siti che non presentano molti contenuti “Above the Fold” potrebbero essere soggetti a questo cambiamento. Se clicchi su un sito e la parte di pagina che compare per prima non presenta contenuti visibili oppure dedica troppo spazio alle Ads, la tua esperienza come utente non risulterà particolarmente buona. Siti di questo tipo potrebbero non posizionarsi più così bene in futuro.

– Matt Cutts

In che modo il Page Layout Algorithm Update influenza i siti “colpevoli”?

Se un sito ha subito una brusca perdita di visibilità all’interno dei risultati di ricerca nelle settimane successive al cambiamento di algoritmo è probabile che sia stato impattato negativamente, in particolare se presenta ripetuti blocchi pubblicitari su ogni pagina.

Il grafico seguente mostra una drastica perdita di visibilità causata da una probabile penalità del Page Layout Algorithm.

Toolbox SISTRIX: caso di penalità Ads Above the Fold

Si dovrebbe smettere completamente di mostrare pubblicità?

No. Al giorno d’oggi praticamente qualsiasi sito presenta degli annunci nelle sue pagine, normalmente con lo scopo di ottenere dei congrui profitti. Questa attività rimane completamente legittima, ma è importante che la User Experience non ne soffra.

Questa modifica dell’algoritmo non va ad infierire su quei siti che hanno un equilibrio adeguato tra contenuti e pubblicità nella sezione Above the Fold, bensì su quelli che sono talmente saturi di Ads nella parte superiore della pagina, da rendere difficile l’individuazione del contenuto vero e proprio all’interno di essa.

– Matt Cutts

Quando può considerarsi dannoso il rapporto tra contenuto e pubblicità?

Google non fornisce numeri esatti. Per questo motivo è importante che i Webmaster rendano identificabile il contenuto vero e proprio, a prescindere dalla pubblicità, soprattutto nella sezione “Above the Fold”.

In seguito viene proposto un esempio di pessimo equilibrio tra contenuti e pubblicità, nel quale è difficile identificare il contenuto reale della pagina a causa del posizionamento dei blocchi pubblicitari:

Red: Ad-Block, Green: Content. The Twitter feed in the right sidebar is not part of the “actual content“ of the page

In rosso abbiamo indicato i blocchi pubblicitari, in verde i contenuti
(il feed di Twitter nella barra laterale destra non è parte del contenuto effettivo della pagina).

Se usi Google AdSense, ti consigliamo di non eccedere il numero massimo di 3 blocchi pubblicitari per pagina.

Gli annunci pubblicitari Above the Fold possono avere un impatto negativo sull’esperienza dell’utente?

Dipende dalla risoluzione dello schermo e dal conseguente rapporto tra gli annunci pubblicitari e i contenuti immediatamente visibili.

Molti siti web (e/o i loro formati di annunci) non sono ancora ottimizzati per le diverse risoluzioni più basse, né per le visualizzazioni da tablet e nemmeno per i mini notebook. La risoluzione standard di un comune notebook da 15,4 pollici, per esempio, è di 1280×800 pixel.

L’utilizzo di annunci aventi la stessa dimensione indipendentemente dalla risoluzione del monitor del visitatore ha, con buona probabilità, un effetto negativo sull’esperienza dell’utente sul tuo sito.

Esempio #1 homepage di dmax.de

Il sito web dmax.de con una risoluzione di 1280x800 pixel

Il sito web dmax.de contiene un banner pubblicitario largo 185px all’inizio della pagina. La dimensione dell’annuncio, combinata alla posizione di quest’ultimo e alla risoluzione comune di 1280×800 pixel in un notebook da 15,4 pollici, ha un impatto negativo sull’esperienza dell’utente – e anche sulla proporzione fra schermo/contenuto per l’area immediatamente visibile sulla pagina.

Esempio #2 homepage e pagina di un articolo di t3n.de

Come confronto all’esempio descritto sopra, abbiamo qui sia la homepage sia una pagina di un articolo di t3n.de, visualizzate su un mini notebook da 13,3 pollici con una risoluzione da 1366×768 pixel:

Dimensione dei banner pubblicitari nella homepage e nella pagina di un articolo di t3n.de

Nella homepage di t3n.de (immagine a sinistra), il contenuto effettivo, con una risoluzione di 1366×768 pixel, viene quasi spinto nell’area invisibile. I due grandi blocchi di annunci dominano il campo visivo dell’utente. Nella pagina dell’articolo (immagine a destra), per contro, l’attenzione viene posta sul contenuto, che è ben “above the fold”.

Cos’è dannoso e cosa non lo è?

Generalmente, l’utilizzo di grossi blocchi pubblicitari, perfino nell’area immediatamente visibile del sito, non è dannoso. È opportuno ricordare, quando si prendono in considerazione tutte le pagine del sito, che la proporzione tra annunci e contenuti deve essere a favore del contenuto “above the fold”. In caso contrario si rischia di essere colpiti da una delle penalità dell’algoritmo di Google, poiché l’Algoritmo del Layout di Pagina giudica l’equilibrio tra gli annunci e i contenuti nell’area immediatamente visibile di un sito web.

Al giorno d’oggi, un sito web dovrebbe offrire una buona esperienza all’utente per tutte le risoluzioni dello schermo. Le tecniche del “responsive web design” e dei “mobile display format” possono risultare utili.

Cosa posso fare se la mia pagina è stata penalizzata dal Page Layout Algorithm?

Se sei sicuro che la pagina sia stata penalizzata dal Page Layout Update, dovresti cercare di migliorarne il layout.

Google ha sostenuto chiaramente che il crawler nota e considera un cambiamento di layout se un numero sufficiente di pagine lo mostrano.

Se decidi di aggiornare il layout della tua pagina, il Page Layout Algorithm rileverà automaticamente i cambiamenti durante la nuova scansione ed elaborerà abbastanza pagine dal sito per renderli effettivi.

– Matt Cutts

Questo significa che dovresti modificare il layout dell’intero sito e non solo della pagina iniziale. Google ha anche affermato che l’effetto di una tale modifica potrebbe richiedere qualche settimana per diventare effettivo.

Il tempo impiegato dipenderà da numerosi fattori, compreso il numero di pagine del sito e da quanto efficientemente Googlebot potrà scansionarne i contenuti. Normalmente Googlebot impiega diverse settimane per scansionare ed elaborare le pagine necessarie per rilevare una modifica di layout su un sito.

– Matt Cutts

Informazioni aggiuntive sull’argomento

Google

Ulteriori informazioni su Google Page Layout Algorithm Update:

12.01.2024