Vuoi ricevere tutte le novità SEO direttamente via mail?

Come si usa l’attributo link x-default hreflang?

Chi offre il proprio sito in lingue differenti dovrebbe utilizzare il markup dell'attributo link rel="alternate" hreflang="x" per le diverse versioni linguistiche, come suggerito da Google.

Il valore “x” indica il codice della nazione secondo la codifica ISO 639-1. Utilizzando l’attributo hreflang, si segnalerà a Google quale esatta versione del sito utilizzare in base alla lingua e al Paese dell’utente.

Il nuovo valore dell’attributo x-default hreflang segnala ai nostri algoritmi che questa pagina non è rivolta a nessuna lingua o regione particolare e che si tratta della pagina standard in assenza di altre più appropriate. Per esempio, potrebbe essere la pagina che i nostri algoritmi cercano di mostrare globalmente agli utenti francofoni, oppure nei risultati di ricerca degli utenti anglofoni su google.ca (Google Canada).

Pierre Far, Google Webmaster Trends Analyst

Impostare una pagina standard con l’attributo x-default hreflang

Grazie all’attributo hreflang=”x-default”, introdotto da Google il 10 aprile 2013, è possibile impostare una pagina di default per tutte le versioni linguistiche che non sono state espressamente specificate.

Questo permette ai negozi online internazionali e multilingua d’indicare una pagina o un percorso predefiniti per ogni combinazione lingua-regione che non è stata espressamente indicata in precedenza.

Esempio

Targeting specifico dei contenuti in base alla versione di lingua. Per tutte le regioni linguistiche non indicate esplicitamente è stata impostata una pagina predefinita:

Uso dell'attributo hreflang: esempio

Utilizzo: il markup della sezione <head> del documento HTML:

<link rel="alternate" href="http://example.com/en-gb" hreflang="en-GB" />
<link rel="alternate" href="http://example.com/en-us" hreflang="en-US" />
<link rel="alternate" href="http://example.com/en-au" hreflang="en-AU" />
<link rel="alternate" href="http://example.com/" hreflang="x-default" />
  • http://www.example.com/en-gb : per gli utenti inglesi nel Regno Unito
  • http://www.example.com/en-us : per gli utenti inglesi negli Stati Uniti
  • http://www.example.com/en-au : per gli utenti inglesi in Australia
  • http://www.example.com/ : il sito mostra all’utente una determinata versione linguistica, che è anche la pagina di default globale per tutti gli utenti

Alternativamente puoi anche inserire questo valore nell’header HTTP. Per maggiori informazioni a riguardo puoi consultare il nostro articolo: “Come dovrei gestire i contenuti multilingua del mio negozio online?”.

L’attributo x-default hreflang è attualmente supportato in via ufficiale solo da Google e Yandex.


La guida hreflang per la SEO internazionale

Nella nostra guida hreflang per la SEO internazionale imparerai tutto ciò che ti serve sapere sulla corretta gestione di Google e dei siti multilingua. Evita i contenuti duplicati e impara a utilizzare correttamente l’attributo hreflang.


Cosa dice Google?

Un Webmaster che voglia estendere il proprio sito ad altre lingue ha la possibilità di rendere tale processo più fruibile possibile per i motori di ricerca. Un'espansione globale non significa solo che il sito dev'essere tradotto o creato da zero, bensì anche offrire contenuti utili e di buona qualità agli utenti.

Fonte: Maile Ohye

Concludendo

L'attributo hreflang permette ai webmaster di definire i contenuti localizzati in base a determinati Paesi o aree linguistiche. Grazie all'x-default è inoltre possibile impostare delle pagine standard per gli utenti di altre aree linguistiche, nel caso queste non fossero state indicate tramite l'attributo hreflang.

Ulteriori risorse di SISTRIX e Google sull’argomento

SISTRIX

Google

Articoli correlati