Come trovare fonti di link rilevanti con il modulo Link

Quando si ricercano fonti di traffico significative per il proprio sito, non si può che arrivare, prima o poi, ai link. I link rilevanti sono interessanti principalmente sotto due punti di vista: prima di tutto permettono il regolare accesso ai contenuti del tuo sito, e in secondo luogo sono dei fattori di Ranking importanti per quanto riguarda i risultati organici di ricerca.

Hai inserito nel tuo sito dei contenuti di buona qualità, ma non ricevi così tante visite come ti saresti aspettato? Potrebbe allora darsi che non ci siano abbastanza vie per raggiungerli o trovarli. Per migliorare la situazione, dovresti prima di tutto focalizzarti sul tuo pubblico target: dove si dirigono gli utenti, se non visitano il tuo sito? In che modo potresti convincerli a visitarlo?

Lasciarsi ispirare dai concorrenti

Durante la composizione del contenuto avrai certamente fatto riferimento alle keyword su cui puntare per le pagine di risultato di Google. Durante questo processo potresti aver notato i siti che si trovano più frequentemente tra i primi posti, cioè quelli che sono più “visibili”. Grazie all’Indice di Visibilità di SISTRIX potrai misurare proprio questo parametro:

La visibilità (in generale) di un risultato dipende dalla rilevanza del contenuto delle pagine e dai collegamenti in rete. L’Indice di Visibilità può essere considerato come una quota di mercato di Google: esso indica se i Ranking sono migliorati o peggiorati durante un certo periodo di tempo. Con questi dati in mente, sarai in grado di cercare quali collegamenti potrebbero avvantaggiarti (la rilevanza dei contenuti dovresti averla comunque già perfezionata attraverso un’ottimizzazione Onpage).

Quando avrai raggiunto un certo posizionamento su Google, potrai affidarti alla funzione “Concorrenti” del Toolbox SISTRIX, così da individuare quei siti web che utilizzano il tuo stesso campione di keyword. Più sarà elevata la loro visibilità, maggiore sarà l’interesse relativamente ai profili di link di queste pagine, in quanto si tratterà dei risultati più alti in classifica e quindi aventi i link migliori.

Cliccando sul nome host e rivolgendoti al modulo Link, otterrai tutti i dati del profilo di backlink del dominio che t’interessa. Il riquadro “Migliori domini di riferimento” ti fornirà una panoramica dei domini che possiedono più link verso il tuo concorrente, e la visibilità che hanno su Google. Saranno infatti quelli che potrebbero potenzialmente linkare anche il tuo contenuto.

Cliccando sulla voce “Link” del menù a sinistra potrai vedere i link del tuo concorrente, ordinabili attraverso i filtri. Non solo: potrai anche scegliere quali colonne visualizzare, cliccando su “Opzioni di tabella”. Nello screenshot successivo abbiamo deciso di utilizzare i filtri “Follow Link” e “Con Indice di Visibilità alto”, così da ottenere solo quelle pagine che portano probabilmente il maggior numero di visitatori.

Oltre ad un’analisi generale del profilo di link, potrebbe essere interessante valutare i link delle pagine specifiche, in modo da scoprire quali di essi aiutano a migliorare i Ranking delle sottopagine. Per far ciò, clicca su “Pagine collegate” per vedere i migliori obiettivi di link del concorrente.

Migliori pagine collegate per il dominio alpitour.it

Cliccando sul + vicino all’indirizzo, sarai condotto direttamente all’analisi dei link e potrai vedere chi li ha creati.

Alcuni di essi potrebbero davvero fare al caso tuo. Cosa fare, quindi? Annotarsi le pagine o gli indirizzi? Abbiamo un’idea più furba! Nel Toolbox abbiamo creato la funzione Liste proprio per questi casi: sposta il cursore del mouse sull’indirizzo che t’interessa e clicca sul simbolo “Aggiungi alla lista”, scegliendo quella che preferisci oppure creandone una nuova. Le liste che creerai potranno essere scaricate comodamente al termine della tua ricerca. E non dimenticare: sfrutta anche la funzione “Opportunità”, che trovi spiegata in questo tutorial.

Scoprire e correggere i link difettosi

Grazie alla funzione “Link difettosi” avrai la possibilità d’identificare quei link che portano a pagine di errore. Riattivare tali link non solo si rivela importante per il tuo sito, ma potrebbe anche permetterti di scoprire nuove fonti di link.

Procedi come segue: siccome il tuo concorrente potrebbe non aver fatto bene i compiti, sbagliando o dimenticando alcuni Redirect, prova a dare un’occhiata al suo profilo di link con l’aiuto della funzione “Link difettosi”, così da scoprire quali siti mostrano dei contenuti che in realtà non sono più raggiungibili. Clicca quindi su “Verifica la disponibilità”, così da ottenere la tabella seguente:

Per risalire alla fonte di link, clicca sul numero relativo alla colonna “Link” o “Domini”, e scoprirai chi ha fornito il link. Cosa te ne fai di una simile informazione? Nel migliore delle ipotesi hai pronto un contenuto che riguarda proprio quell’obiettivo di link. Se non è questo il caso, è l’ora di mettersi al lavoro per crearlo.

Dopo aver preparato il contenuto, potrai contattare il webmaster del sito da cui t’interessa ricevere il link, indicandogli in modo amichevole il link difettoso e consigliandogli di effettuare il link verso il tuo contenuto, piuttosto che su quello del concorrente (che sarebbe comunque inesistente). Nel gergo questo comportamento si chiama “Broken Linkbuilding”.

Come puoi vedere, il Toolbox è pieno di risorse quando si parla di tenere sotto controllo i link del proprio dominio. Per scoprire nuovi, rilevanti link, potrai filtrare i risultati, cercando i domini che, ad esempio…

  • possiedono un’elevata popolarità
  • presentano il tuo stesso Top-Level Domain per Paese
  • sono stati scoperti recentemente

Ricorda infine un’ultima cosa: avanzare solo copiando gli altri non è mai una grande soluzione. Per questo motivo cerca sempre di ottenere link che i tuoi concorrenti non possiedono.