Come sfruttare i dati sulla visibilità dei Paesi nel Toolbox SISTRIX

Per le aziende che desiderano espandersi o che già lavorano in mercati internazionali, e per i siti che offrono contenuti dedicati a più Paesi, è fondamentale monitorare la visibilità internazionale del proprio dominio o di quelli dei concorrenti. Questo significa valutare quali contenuti hanno maggior successo, scoprire nuovi mercati, stimare i concorrenti e controllare la propria strategia SEO internazionale. SISTRIX raccoglie e analizza i dati di più Paesi, mettendoli poi interamente a disposizione nel Toolbox.

Dove si trova la visibilità relativa ai Paesi nel Toolbox SISTRIX?

La pagina di panoramica del Toolbox SISTRIX ti mostrerà un primo riassunto della visibilità del sito nei diversi Paesi nella voce “Paesi migliori“, che raggiungerai semplicemente digitando un qualsiasi dominio nella barra di ricerca.

I Paesi sono indicati attraverso il loro codice a due lettere, ad esempio “CH” indica la Svizzera, “AT” l’Austria e “DE” la Germania.

Clicca sulla voce “Paesi migliori” per accedere a ulteriori dati relativamente a tutti i Paesi contenuti nel Toolbox.

In alternativa potrai digitare il tuo dominio nella barra di ricerca 1 e cliccare sulla voce “Paesi” all’interno della categoria “Struttura” nel menù a sinistra dello schermo 2 .

I dati sui Paesi e come utilizzarli

Nell’angolo in alto a destra dello schermo noterai delle opzioni aggiuntive per i dati.

  • Mobile/ Desktop: scegli tra i dati e la visibilità desktop o mobile
  • Esporta: esporta la tabella sotto forma di file CSV, usando dei crediti
  • Shortlink   : condividi la tabella sui Social Media

Potrai inoltre cliccare sul simbolo contenuto nel grafico o nella tabella per aggiungerli ad una Dashboard o ad un Report, personalizzandoli nella sezione dedicata.

Il grafico a barre nella parte superiore della pagina mostra il punteggio dell’Indice di Visibilità del dominio analizzato nei maggiori mercati di ricerca internazionali.

I dati disponibili si riferiscono a tutti i Paesi compresi nel Toolbox, senza alcuna limitazione: clicca qui per vederne l’intera lista.

Ricorda che il campione di keyword scelto per ogni indice è personalizzato specificamente per il comportamento di ricerca di ogni Paese, per cui Paesi diversi non possono essere direttamente confrontati. Tuttavia, l’Indice di Visibilità resta comunque rappresentativo per quel Paese e può essere usato per confrontare il comportamento di ricerca di nazioni diverse.

Per avere una panoramica dettagliata dei dati disponibili nel grafico potrai rivolgerti alla tabella posta sotto di esso.

Per avere una panoramica dettagliata dei dati disponibili nel grafico potrai rivolgerti alla tabella posta sotto di esso.

Per ogni Paese viene mostrato l’Indice di Visibilità del sito 3 , la quantità di keyword posizionate nei primi 10 (Top-10) e 100 (Top-100) risultati di Google 4 e la quantità di URL posizionati nei primi 10 (Top-10) e 100 (Top-100) risultati di Google 5 .

Grazie a questi valori potrai avere una panoramica veloce dei punti di forza e di debolezza del dominio, cosa che ti permetterà di rispondere a domande fondamentali, come:

  • In quali mercati di ricerca il mio dominio è più visibile?
  • Quali mercati di ricerca sono più impegnativi per il mio dominio?
  • Esistono dei mercati inesplorati dove potrei espandere il mio business e per i quali potrei ottimizzare il mio sito?
  • Alcuni mercati stanno funzionando meglio di quanto avessi pensato?

Si tratta di un ottimo punto di partenza per condurre un’analisi approfondita dei ranking e dei KPI del dominio in un mercato specifico.

Per cominciare tale analisi, dopo aver digitato il dominio, clicca sull’icona della bandiera nel lato sinistro della barra di ricerca, modificando il Paese da analizzare, e poi premi Enter o clicca sul simbolo . Verrai direttamente condotto alla pagina di panoramica del sito analizzato per quello specifico mercato di ricerca, dove potrai valutare numerosi KPI, tra cui la visibilità desktop e mobile, i ranking, i link, le interazioni sociali e tanto altro.

Esempio pratico: asos.com

Asos è un rivenditore online globale nel settore della moda, che opera in numerosi mercati. Il suo sito utilizza una configurazione hreflang che indica a Google quali contenuti specifici deve adottare per i risultati di ricerca di determinati Paesi. Tuttavia, a noi interessa adesso vedere quali nazioni non presentano dei contenuti specifici, ma possiedono comunque un livello di visibilità interessante.

Una delle directory Country-Specific di asos.com targetizza l’Australia (https://www.asos.com/au/). Usando la funzione dedicata ai Paesi possiamo vedere se i dati di questa directory si posizionano anche in altri mercati di ricerca.

Dal grafico vediamo che non è questo il caso, in quanto le directory anglofone al di fuori dell’Australia (USA, Regno Unito e Canada) mostrano pochi posizionamenti.


I dati di questa sezione possono essere combinati in base alle proprie esigenze. Il grafico soprastante, ad esempio, mostra i dati relativi alla visibilità di diversi sottodomini e directory di asos.com in più Paesi: si tratta di un ottimo modo per vedere gli effetti delle migrazioni di contenuti.