Trova e analizza i concorrenti online e le relazioni tra contenuti con SISTRIX

Sapere chi sono i reali concorrenti dei propri contenuti online è il primo passo fondamentale per valutare la posizione di mercato di un dominio, un sottodominio, una directory o un URL. Il sito potrebbe raggiungere ranking migliori? È in una situazione di rischio o esistono delle opportunità e dei modelli di best practice da sfruttare? Il Toolbox SISTRIX ti fornirà una lista di tutti i tuoi concorrenti diretti, mostrandoti i punti in comune e permettendoti di effettuare analisi a livello di keyword.

Le funzioni del Toolbox SISTRIX per l’analisi della concorrenza

All’interno del Toolbox esistono tre importanti funzioni che permettono di analizzare la concorrenza relativamente ai contenuti pubblicati. In questo tutorial imparerai dunque a:

  1. Trovare, elencare e definire velocemente i concorrenti di un dominio, un sottodominio, una directory o un URL
  2. Analizzare i punti in comune tra il tuo sito e i concorrenti
  3. Valutare lo sviluppo dei concorrenti a livello di keyword

Infine, forniremo anche degli interessanti casi studio in modo da mostrarti come salvare e monitorare le liste dei tuoi concorrenti.

Come posso trovare i miei concorrenti?

Il Toolbox SISTRIX può creare una lista di concorrenti diretti del tuo dominio (o sottodominio, directory o URL) all’interno del modulo SEO, con un semplice click. Grazie ad essa troverai anche numerosi dati riassuntivi sulla loro performance.

Per raggiungere la lista dei concorrenti, prima di tutto inserisci il dominio che desideri analizzare nella barra di ricerca 1 e poi clicca su “Concorrenti2 , voce contenuta nel menù a sinistra dello schermo.

Come puoi vedere, questa sezione non solo ti mostrerà i concorrenti del tuo sito, ma anche le keyword in comune: in questo articolo analizzeremo quindi ogni singola funzione.

Chi sono i miei concorrenti? La tabella e le sue opzioni

Per estrarre i dati di cui hai bisogno dalla tabella dei concorrenti ti consigliamo di usare le opzioni poste nell’angolo in alto a destra dello schermo.

Prima di tutto potrai decidere se visualizzare i dati desktop o mobile. Nel caso avessi creato un progetto Optimizer, il Toolbox mostrerà anche i domini, i sottodomini, le directory o gli URL che si posizionano per le keyword definite nel progetto. Clicca semplicemente sul riquadro “Optimizer” per avervi accesso, senza alcuna necessità di passare da un modulo all’altro.

Infine potrai esportare la tabella sotto forma di file CSV (usando dei crediti) o condividerla sui Social Media .


La tabella mostrerà quali domini possiedono dei ranking in comune con quello valutato, basandosi sulle keyword del nostro campione posizionate nelle prime 100 posizioni di Google. Tali domini sono quindi i diretti concorrenti del sito che stai valutando, sulla base delle parole chiave.

Significato dei valori in ogni colonna:

1 Host (default): lista dei concorrenti (incluso il sito valutato) a livello di sottodominio.

2 Concorrenza: visibilità percentuale delle keyword del concorrente, basata sul campione del Toolbox. Se, ad esempio, stai valutando Dominio A, e Dominio B viene indicato come 200% in questa colonna, significa che il Dominio B è due volte più visibile per le keyword per le quali il Dominio A si posiziona nei primi 100 risultati di Google.

3 Ranking: in base al campione di keyword del dominio che stai valutando, questa colonna mostra la quantità di parole chiave per cui il dominio presenta ranking migliori rispetto alla concorrenza (barra verde) e, viceversa, la quantità di parole chiave per cui la concorrenza presenta ranking migliori del dominio (barra rossa).

4 Indice di Visibilità: punteggio dell’Indice di Visibilità per ogni sottodominio (o altro livello). Grazie a questa metrica potrai capire velocemente quanto è “grande” il concorrente, siccome un valore più elevato indicherà una maggiore visibilità nelle SERP di Google.

Il Toolbox inserirà nella lista dei concorrenti anche il sito che stai valutando, impostando come valore il 100%. In questo modo risulterà più semplice valutare quali domini presentano un livello di concorrenza maggiore (e quindi migliori ranking su Google).

Nell’angolo in alto a destra della tabella troverai maggiori opzioni per definire i dati.

Il menù a tendina 5 ti permetterà di scegliere se vedere nella tabella i risultati sotto forma di domini, sottodomini, directory o URL. Il punto interrogativo 6 fornirà invece una veloce spiegazione della tabella, mentre l’icona 7 ti permetterà d’impostare un allarme (che t’invierà una notifica in caso di nuovi concorrenti), aggiungere la tabella ad una Dashboard o ad un Report, oppure esportarla sotto forma di file CSV.

Ogni concorrente può essere analizzato individualmente con un semplice click.

Analizzare le relazioni tra contenuti

Sapere quante keyword hai in comune con i tuoi concorrenti e come si posizionano questi ultimi è fondamentale per capire la performance di un sito su Google, nello specifico:

  • Quali contenuti dei tuoi concorrenti si posizionano meglio su Google e perché?
  • Dove si posiziona il tuo dominio in confronto ai concorrenti?
  • I tuoi concorrenti stanno diventando più attivi nella tua nicchia di mercato?
  • Quanto hanno in comune i contenuti del tuo dominio e quelli dei tuoi concorrenti?

Per rispondere a queste domande potrai usare le funzioni “Keyword in comune” e “Confronta keyword”, poste al di sopra della tabella.

Visualizzare le keyword in comune

La funzione “Keyword in comune” mostrerà graficamente quante keyword hai in comune con uno o più concorrenti.

Dopo averci cliccato sopra, il Toolbox aprirà un campo d’input dove potrai inserire fino a 3 domini da confrontare. Il confronto può anche avvenire a livello di sottodominio, directory o URL, selezionando la voce corrispondente nel menù a tendina sulla sinistra (ma non dimenticare che, per directory e URL, è necessario inserire l’intero protocollo, ad esempio https://).

Infine potrai selezionare una data nel passato cliccando sull’icona del calendario . Lasciando vuoto questo campo, il Toolbox mostrerà di default la settimana corrente.

Le keyword in comune sono mostrate sotto forma di diagramma a torta e approfondite nella tabella sottostante. Il numero nel cerchio (mostrato anche nella cella della tabella con colore uguale) è la quantità totale di ranking del dominio 1 in base alla settimana valutata.

I numeri nelle celle non colorate indicano invece quante keyword in comune possiedono i relativi domini. Nel nostro esempio, asos.com condivide i ranking di 7.994 keyword con zalando.it 2 e di 5.487 keyword con stylight.it 3 .

Infine l’ultima riga (“Tutto”) mostra il totale delle keyword in comune tra tutti i domini (in questo caso 5.232) 4 .

Analizzare le keyword dei concorrenti

Ora che conosci la quantità di keyword che hai in comune con i tuoi concorrenti avrai probabilmente necessità di scoprire quali sono.

Clicca sul tasto “Confronta keyword” per accedere alla funzione d’analisi.

Digita fino a tre concorrenti, che potranno essere domini, sottodomini, directory o URL a seconda della voce scelta nel menù a tendina.

La tabella mostrerà una lista di tutte le keyword per le quali il dominio iniziale si posiziona. Per ogni keyword 1 vedrai quindi la posizione sia del sito valutato 2 , sia dei suoi concorrenti 3 . Potrai anche utilizzare i filtri 4 per ricercare una determinata keyword, scaricare la tabella o condividerla sui Social Media 5 . Infine, potrai aggiungerla ad una Dashboard o ad un Report usando il menù 6 .

Ogni cella dei concorrenti avrà una tonalità di rosso o verde, a seconda della “distanza” con il dominio principale.

Se il tuo sito presenta dei ranking migliori, la cella del concorrente sarà colorata in verde. Più i posizionamenti risulteranno distanti tra loro, più intensa sarà la tonalità.

Se diamo uno sguardo all’immagine precedente, vediamo ad esempio che asos.com si posiziona primo per la keyword “t shirt girocollo alto”. Il suo concorrente zalando.it è invece tredicesimo, per cui la sua cella è colorata di verde chiaro, essendo i due domini relativamente vicini come ranking. Stylight.it si posiziona invece come ottantaquattresimo, per cui la sua tonalità è più intensa, essendo la distanza maggiore.

Al contrario, se i concorrenti presentano ranking migliori rispetto al sito che stai valutando, le celle saranno colorate in rosso. Nell’esempio precedente, asos.com si posiziona novantanovesimo per la keyword “cerco scarpe nike”, mentre zalando.it è primo.

Se la cella è vuota significa che il dominio corrispondente non si posiziona per quella keyword specifica nei primi 100 risultati di Google.

Per approfondire l’analisi di una keyword ti basterà semplicemente cliccarci sopra e il Toolbox ti mostrerà la SERP corrispondente.

Analizzare i concorrenti a livello di keyword

Cercare una keyword nel Toolbox SISTRIX è un modo molto semplice per trovare dei concorrenti. Verranno infatti mostrati i risultati di ricerca di Google per la query relativamente all’ultima volta che è stata scansionata. Tuttavia, a differenza dei motori di ricerca, il Toolbox indicherà anche i cambiamenti nei risultati e potrà quindi essere usato per valutare lo storico del dominio per quella keyword.

Ad esempio, inserendo “Spesa online” nella barra di ricerca del Toolbox raggiungerai la tabella che riporta anche i cambiamenti di posizione, come nel caso successivo (accorciato ai primi 10 risultati).

Avrai quindi di fronte una lista di potenziali concorrenti, ordinati per importanza in base al termine “Spesa online”.

Le icone di fianco ai risultati sono molto importanti: cliccando su “Visualizza cronologia della keyword” 1 potrai vedere lo storico dei ranking del dominio per quello specifico termine di ricerca.

Un’altra funzione interessante è il confronto tra SERP.

Grazie ad essa potrai rilevare eventuali cambiamenti di posizione nel periodo di tempo contrassegnato da due date specifiche, come mostrato nei punti 2 e 3 .

In questo caso vediamo, ad esempio, che l’URL posizionato decimo il giorno 24 febbraio 2020 ha perso cinque posizioni la settimana successiva, diventando quindicesimo. Volendo potremmo quindi creare un sistema di monitoraggio dei concorrenti nell’Optimizer SISTRIX, usando i siti in questa lista per controllare ed analizzare i ranking (tenendo conto che potrebbero esserci delle eccezioni).

Generalmente, però, affidarsi ad una sola keyword non è sufficiente per trovare i propri concorrenti diretti: ripeti quindi il processo focalizzandoti su più parole chiave differenti, così da ottenere un campione di concorrenti più affidabile.

Esempi d’uso

Confrontare specifici contenuti in siti differenti

Le keyword possono essere valutate anche da un punto di vista differente, considerando una directory specifica così da avere una panoramica più precisa dei concorrenti.

Ad esempio, potremmo confrontare una sottodirectory specifica di zalando.it e di stylight.it per vedere quali posizionamenti hanno in comune. Aggiungere anche l’intero dominio stylight.it ci consente di scoprire se le pagine posizionate per keyword che riguardano il settore “giacche di pelle” si trovano da qualche altra parte all’interno del sito e non nella directory /Giubbotti-In-Pelle/.

Grazie a questa lista possiamo velocemente estrapolare le informazioni seguenti:

  • Per quali keyword https://www.m.zalando.it/giacche-di-pelle/ possiede già dei ranking?
  • Quanto sono distanti i ranking corrispondenti?
  • Per quali keyword stylight.it non si posiziona con nessun URL?
  • Per quali keyword la directory https://www.stylight.it/Giubbotti-In-Pelle/ non si posiziona?

Il prossimo passo potrebbe essere quello di analizzare gli URL che si posizionano per quelle keyword. Ad esempio, stylight.it si posiziona per la keyword “pinko giubbotto pelle” con la sua directory /Pinko/Giubbotti-In-Pelle/.

Comprendere l’evoluzione dei concorrenti e la loro quota di mercato

La funzione “Keyword in comune” può essere anche utilizzata per vedere i ranking condivisi nel passato, in modo da controllare se la presenza dei concorrenti in un determinato settore è cresciuta nel tempo.

Confrontando le keyword in comune di asos.com e zara.com potrebbe sembrare che Asos non abbia nulla da temere dal suo concorrente, visto che si posiziona per 10.969 keyword, di cui “solo” 4.273 in comune con Zara.

Tuttavia, confrontando le keyword in comune dei due domini a inizio 2016 scopriremo qualcosa di diverso.

Asos.com si posizionava infatti con quasi lo stesso numero di keyword di oggi, mentre zara.com ne aveva il 57% in meno. Dal 2016 zara.com ha guadagnato il 46% keyword in comune con asos.com ed è quindi sicuramente da considerare un concorrente diretto.

Liste dei concorrenti

Se desideri tenere d’occhio specifici concorrenti direttamente nel Toolbox, insieme ai dati aggiornati sulla loro performance, ti consigliamo di aggiungerli ad una lista.

Se l’analisi dei competitor fa parte della tua keyword research, il tutorial seguente ti spiegherà come analizzare i tuoi concorrenti usando delle liste di keyword: “Liste nel Toolbox: funzioni, idee ed esempi pratici“.