Scopri il potenziale di ottimizzazione delle tue keyword grazie ai filtri

Stephan Czysch, fondatore e CEO dell’agenzia di Online Marketing berlinese Trust Agents, s’impegna regolarmente a divulgare il suo sapere tramite workshop e conferenze. Il tutorial seguente è opera sua: buona lettura!

Per molti SEO dare uno sguardo all’andamento della visibilità di SISTRIX è una routine settimanale, se non giornaliera. La visibilità è aumentata? Ci sono nuove opportunità? Quali pagine devono essere ricontrollate? Quali keyword si posizionano nella prima pagina dei risultati? Queste e tante altre domande possono essere risposte analizzando le keyword. In questo tutorial scoprirai come ottenere dati interessanti utilizzando i filtri.

Nella pagina di panoramica del dominio ti troverai di fronte a numerosi riquadri relativi alle keyword. Basti pensare, ad esempio, ai “Ranking interessanti” al di sotto dell’Indice di Visibilità, oppure al numero totale di keyword (nella parte superiore del grafico), relative ai primi 100 risultati organici.

La tabella dei "Ranking interessanti" nella pagina di panoramica di audible.it
La tabella dei “Ranking interessanti” nella pagina di panoramica di audible.it

Se ci rivolgiamo alla sezione “Keyword” avremo a disposizione i dati relativi a desktop e mobile. Per vedere i ranking del dominio relativi ad una determinata settimana, puoi cliccare su “Opzioni di tabella > Seleziona data“.

Lista delle keyword di audible.it filtrata in base alla data
Lista delle keyword di audible.it filtrata in base alla data

Grazie all’Indice di Visibilità giornaliero i dati delle keyword sono disponibili di giorno in giorno, a partire da settembre 2018.

I filtri standard

Il team di SISTRIX si è dato da fare per creare filtri più utili possibile: la lista di keyword può quindi essere filtrata in base a determinate SERP Features (SERP= pagine dei risultati), come la presenza di Featured Snippet o di annunci AdWords, oppure in base a determinate parole. In più, cliccando su “Filtra adesso” oppure sulla voce “Filtro esperto” nelle “Opzioni di tabella”, potrai impostare altri filtri granulari. Prima di spiegare questi ultimi, sarà utile avere un’infarinatura dei filtri standard.

Mostra liste multiple

Normalmente SISTRIX mostra solo il posizionamento migliore di ogni URL, per motivi di chiarezza. Se desideri però vedere per quali keyword si posiziona in totale una determinata pagina, allora il filtro “Mostra liste multiple” è quello che fa per te.

Filtro "Mostra liste multiple" di audible.it
Filtro “Mostra liste multiple” di audible.it

Mostra keyword cannibalismo

In ambiente SEO si parla di “cannibalismo delle keyword” quando vengono alternati diversi URL per la stessa query di ricerca all’interno delle pagine dei risultati. Questo significa che Google non riesce a capire quale indirizzo sia rilevante per la ricerca, e questo perché i diversi URL inviano segnali identici o molto simili attraverso, ad esempio, il titolo della pagina o il contenuto testuale. Attivando questo filtro, comparirà la colonna “Numero di URL” all’interno della tabella: un click sul numero mostrato ti riporterà gli URL mostrati nella ricerca su Google per la keyword corrispondente.

Questi dati diventano particolarmente importanti nel caso ci si posizioni con più URL oltre i primi 3 risultati. Combinando questo filtro con quelli contenuti nella voce “Filtra adesso” (come “Posizione da 8 a 30” e “Volume di ricerca da 20 a 100”), potrai identificare facilmente le keyword cercate più spesso.

Keyword cannibalismo di audible.it
Keyword cannibalismo di audible.it

Per risolvere il problema delle pagine che inviano segnali poco chiari a Google, hai tre possibilità:

  • modificare il targeting delle keyword
  • accorpare i contenuti in un solo URL
  • bloccare l’indicizzazione di una pagina: in questo caso controlla però che quest’ultima non si posizioni anche per altre keyword, in quanto il cannibalismo riguarda solo determinate query di ricerca e non l’URL di per sé.

Lavorare con i filtri

Cliccando su “Filtra adesso” attiverai tutte le possibilità di filtri. Inoltre, selezionando “Opzioni di tabella > Seleziona colonna” potrai inserire o togliere le colonne che preferisci, in base ai valori che desideri visualizzare.

Configurazione della lista delle keyword attraverso la selezione delle colonne
Configurazione della lista delle keyword attraverso la selezione delle colonne

Naturalmente potrai combinare insieme più filtri, e questi verranno concatenati insieme con “e”. Per capirci meglio, una configurazione come la seguente:

Esempio di filtri combinati nell'esempio di audible.it
Esempio di filtri combinati nell’esempio di audible.it

ti mostrerà solo quelle keyword che soddisfano tutte e tre le caratteristiche impostate. Oppure, per essere più precisi: più filtri imposterai, più specifici e concentrati saranno i dati mostrati.

Per questo motivo è sempre meglio valutare se, per una data analisi, può essere necessario aggiungere o diminuire le colonne della tabella. Consiglio: quando modifichi le colonne, rinomina la configurazione impostata, in modo da poterla riconoscere e attivare velocemente anche in futuro.

Possibilità di filtro 1 ▶ visualizzare i titoli di pagina riformulati da Google

Probabilmente saprai che Google accorcia i titoli che eccedono una certa lunghezza all’interno delle pagine dei risultati. Può inoltre accadere che non mostri affatto il titolo o la descrizione da te indicata. Grazie all’anteprima dello Snippet (così come della keyword corrispondente) data dal Toolbox, potrai avere già un’idea di come Google mostra la tua pagina per una determinata query all’interno delle SERP.

Su questo argomento esistono numerosi approcci di ottimizzazione meritevoli di tutorial. Per questo motivo abbiamo deciso di scegliere un degli aspetti che SISTRIX permette di valutare: Google modifica il titolo delle pagine? Per saperlo, dovrai aggiungere la colonna “Titolo” (presente nel riquadro “Opzioni di tabella > Seleziona colonna“). Per facilitare la valutazione dei titoli, ti consigliamo di esportare i dati ottenuti, cliccando sull’icona dell’ingranaggio in alto a destra della tabella delle keyword.

La lista delle keyword di audible.it con la colonna "Titolo"
La lista delle keyword di audible.it con la colonna “Titolo”

Ora non ti resterà che integrare al documento esportato i titoli delle pagine da te definiti, che potrai ricavare, ad esempio, dal crawler del modulo Optimizer. Confrontando tramite Excel potrai scoprire quali titoli sono stati modificati da Google, così da decidere se è necessario intervenire.

Possibilità di filtro 2 ▶ identificare tramite filtro di posizione le keyword “al limite”

Con “keyword al limite” intendiamo quelle che si posizionano poco dopo i primi 10 risultati. L’idea di base è: con un minimo di ottimizzazione, queste potrebbero raggiungere la prima pagina di Google.

Per identificare queste keyword, clicca su “Filtra adesso” e imposta il filtro “Posizione”, ad esempio, tra 11 e 15. Se desideri puoi aggiungere anche il filtro “Volume di ricerca” per identificare quelle con un traffico più alto. Per ordinarle in base a quest’ultimo parametro, clicca sull’intestazione della colonna corrispondente.

Le keyword con alto potenziale di audible.it
Le keyword con alto potenziale di audible.it

Ad esempio, audible.it possiede alcune keyword che hanno un buon potenziale di ottimizzazione.

Valutando la keyword e l’URL (e volendo anche il titolo e la descrizione della pagina), ti consigliamo di porti la seguente domanda: la pagina che compare su Google per quella keyword mostra delle informazioni effettivamente rilevanti? È probabile che con un contenuto ottimizzato ad hoc la tua pagina potrà posizionarsi più velocemente e a lungo termine tra i primi 10 risultati. Se è questo il caso, ti consigliamo di utilizzare la funzione “Liste“, grazie alla quale potrai ottenere una panoramica del potenziale delle keyword.

Possibilità di filtro 3 ▶ scoprire il potenziale per l’ottimizzazione delle immagini

Nella regola un sito appare al massimo una volta per ogni pagina relativa ad una query di ricerca. Se in una pagina dei risultati appaiono però un box News, i risultati organici, le immagini e gli annunci AdWords, potrebbe essere possibile comparire per ben quattro volte al suo interno. Per sapere se le proprie keyword appaiono in una pagina dei risultati contenenti immagini, ti basterà selezionare il filtro “SERP con immagine“. Attenzione però: questo filtro ti mostra se esistono delle integrazioni immagine nella pagina dei risultati di quella keyword, ma non è detto che sia il tuo sito a posizionarsi al loro interno.

Pagine dei risultati contenenti integrazioni immagini per audible.it
Pagine dei risultati contenenti integrazioni immagini per audible.it

Grazie a questi dati non solo avrai un’idea di come appaiono le pagine dei risultati per una determinata keyword del sito analizzato, ma anche quale potenziale esse rivestono. Con i filtri giusti (come il volume di ricerca o la posizione dopo i primi 10 risultati) è possibile scoprire dove ha senso ottimizzare le immagini, così da pianificare il settore nel quale posizionare il proprio risultato nelle SERP.

Ulteriori consigli per sfruttare i filtri

Come vedi, i filtri sono uno strumento estremamente importante per la tua ottimizzazione dei motori di ricerca, per cui vale la pena prendersi del tempo per familiarizzare con il loro uso.

Il filtro esperto per le combinazioni “o”

Come abbiamo già spiegato in precedenza, tendenzialmente il Toolbox combina i filtri selezionati con “e”. Se però desideri valutare i dati di diversi URL (ad esempio /pavimenti/ e /tetto/), ti sarà possibile concatenarli grazie al filtro esperto. Selezionalo dal menù “Opzioni di tabella“, in modo da poter creare un filtro granulare.

Filtro esperto per edilizia365.it: combinazione di e/o
Filtro esperto per edilizia365.it: combinazione di e/o

Salvare le combinazioni di filtri

Per non dover sempre impostare nuovamente combinazioni di filtri particolarmente complesse, SISTRIX ti permette di salvare quelle che hai già creato. Per farlo, clicca su “Opzioni di tabella” e poi su “Salva filtro”: rinominandolo nel modo più appropriato, avrai la possibilità di riutilizzare la combinazione per le tue analisi future in modo semplice e veloce. I tuoi filtri salvati sono disponibili all’interno delle “Opzioni di tabella > Carica filtro”.

Salvare e caricare i filtri dal menù "Opzioni di tabella"
Salvare e caricare i filtri dal menù “Opzioni di tabella”